ANCHE DUE BOVINESI TRA GLI ARRESTATI PER ASSENTEISMO ALLA ASL DI FOGGIA

Assenteismo, cinque arresti a Foggia in manette psicologa e infermieri

Timbravano il cartellino e poi andavano a fare la spesa, oppure si registravano in posti di lavoro diversi da quelli assegnati. In manette per truffa aggravata

di PIERO RUSSO

Assenteismo, cinque arresti a Foggia in manette psicologa e infermieriFOGGIA – Strisciavano regolarmente il badge per entrare in ufficio e poi uscivano e andavano a fare la spesa al supermercato o non mettevano piede al posto di lavoro. Tre donne e due uomini di Deliceto e Bovino, in servizio al centro di riabilitazione della Asl di Foggia e al poliambulatorio di Deliceto, sono stati arrestati. Si tratta di una psicologa, due impiegati e due infermieri. Le indagini dei carabinieri del comando provinciale di Foggia sono partite nel 2010 dopo che nel paese dei monti Dauni si era notato un viavai di dipendenti in entrata ed in uscita dal poliambulatorio.

I cinque molto spesso non timbravano neanche il cartellino ma si rivolgevano ad alcuni colleghi compiacenti a cui davano il proprio badge. Uno di loro strisciava la carta da dipendente a Foggia nonostante dovesse lavorare a Deliceto, quindi molte volte non si recava neanche nel paese del subappennino o utilizzava il suo tempo lavorativo per andare al supermercato a fare la spesa.

In più casi i carabinieri hanno riscontrato che una degli arrestati si trovasse nel pullman per Deliceto quando in realtà il suo cartellino era già stato timbrato nel capoluogo dauno. I cinque hanno ottenuto i domiciliari. Le indagini, condotte dal sostituto procuratore Antonio Laronga, hanno riscontrato almeno una decina di casi di assenteismo per ognuno degli indagati.

TRATTO da: “REPUBBLICA”

One thought on “ANCHE DUE BOVINESI TRA GLI ARRESTATI PER ASSENTEISMO ALLA ASL DI FOGGIA

  1. E’ finito il tempo che berta filava! Oggi, un posto di lavoro è un vero miracolo, per chi lo detiene. La promessa è quella di saperselo mantenere. Purtroppo l’irresponsabilità produce queste conseguenze!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*