Monti Dauni: Accadia Bovino e Roseto capofila per il recupero dei borghi

 Da: TELERADIOERRE

BOVINO, giovedì 11 agosto 2011 – ORE 16.33

Monti Dauni: Accadia Bovino e Roseto capofila per il recupero dei borghi
FOTO
Sono state ammesse alla fase negoziale, per un totale di 12.600.000 euro, le tre candidature presentate dai Comuni dei Monti Dauni a valere sulla Misura 7.2 del Programma Operativo FESR, che promuove la rigenerazione territoriale, attraverso il miglioramento delle condizioni urbanistiche, abitative, socio-economiche, ambientali e culturali dei comuni fino a 20.000 abitanti.
Dalla determinazione della Regione Puglia emerge l’ottimo lavoro svolto dagli organi politici e tecnici delle amministrazioni dei Monti Dauni, presentatisi con 3 distinti raggruppamenti con capofila Bovino, Accadia e Roseto Valfortore.
“Le progettazioni presentate – dichiara Michele Dedda, Sindaco del Comune di Bovino (Capofila del raggruppamento che comprende Celle di San Vito, Faeto, Monteleone di Puglia, Orsara di Puglia, Panni e Troia) – interverranno strategicamente sui centri abitati, e in particolare sui luoghi di aggregazione sociale, migliorandone la fruibilità e riconsegnandoli alla cittadinanza”.Il territorio dei Monti Dauni, ha di fatto maturato, nel corso degli anni, politiche di sviluppo volte a creare connessioni sempre più stringenti tra i centri storici -resi vivibili per i cittadini – e l’ambiente circostante con le sue Aree SIC, il suo patrimonio boschivo e naturale.
Pertanto “Estremamente soddisfatto del risultato raggiunto che va nella direzione del recupero e della valorizzazione dei patrimoni dei nostri borghi e della tutela dei loro caratteri identitari” – si dice Pasquale Murgante (foto), Sindaco di Accadia e Capofila di una progettazione concertata con i Comuni di Anzano di Puglia, Ascoli Satriano, Candela, Deliceto, Rocchetta Sant’Antonio, Sant’Agata di Puglia.
“La condivisione del percorso di sviluppo e la presentazione delle tre proposte progettuali” sostiene Nicola Apicella – Sindaco di Roseto Valfortore (Capofila per Alberona, Biccari, Carlantino, Castelluccio dei Sauri, Castelluccio Valmaggiore, Volturara Appula) “ha richiesto una innovata capacità di fare governance sul territorio, resa possibile dalla disponibilità dei Comuni a lavorare in squadra e dal supporto tecnico dell’Agenzia di Sviluppo Meridaunia”.