Bovino onora la “Stella della Daunia”

UNA FIUMANA DI POPOLO PARTECIPA ALLA PROCESSIONE DEL 29 AGOSTO.

   La festa della Madonna di Valleverde, come sempre, è stata il culmine delle numerose e quotidiane manifestazioni dell’agosto bovinese. Nutritissima la partecipazione di fedeli alla novena che ogni mattina, sono giunti  a piedi al Santuario,  guidati in processione dal parroco della Cattedrale don Stefano Caprio.

   Il 28, la novena, predicata da don Daniele Troiani dei PP. Vocazionisti, attuali custodi del Santuario, è stata chiusa dall’arcivescovo di “Foggia-Bovino” Mons. Francesco Pio Tamburrino  che ha colto l’occasione per comunicare ai numerosi fedeli che gremivano il Santuario, (molti erano seduti per terra, sulle scale e in ogni dove) importanti cambiamenti nella Chiesa di Bovino che avverranno verso la metà di ottobre ed esattamente, ferma restando l’identità e l’autonomia delle tre parrocchie, una cooperazione tra esse affidandole tutte tutte ai religiosi Vocazionisti, coordinata dall’attuale Parroco e rettore del Santuario don Ernesto D’alessio. Nuovo parroco della chiesa di Sant’Antonio sarà appunto il predicatore don Daniele che sostituirà il dimissionario don Paolo Lombardi per superati limiti di età anche se ancora in piene energie al quale va il nostro plauso per aver brillantemente operato finora. Non ancora si conosce il sostituto del carissimo don Stefano Caprio, parroco della Cattedrale, che sarà destinato ad Incarico più importante. Presente alla funzione anche il P. Generale dei Vocazionisti Don Antonio Rafael Do Nascimento. La processione del “Santissimo” sulla piazza del Santuario con la tradizionale benedizione dei campi ha concluso la novena.

   Il 29 mattino, l’omaggio alla Madonna da parte dell’Arcivescovo e delle autorità che si sono recati al Santuario e al ritorno a Bovino “La Cavalcata”, di certo non tradizionale in quanto è venuto meno quello che era il devoto omaggio del popolo di Bovino alla sua cara Madre, recandosi tutti a cavallo e in carrozze al Santuario per poi ritornare festanti a Bovino e celebrare la Santa messa in Cattedrale. Ora diventata “Cavalcata Storica” pur distaccandosi di molto da quello che rappresentava, è comunque un’imponente manifestazione che ha richiamato una moltitudine di persone ed autorità, (ne parleremo in altro momento).

   Il punto focale comunque è stata la processione serale quando una moltitudine di gente lasciando le case, la villa, i bar ed altri locali si è unita al corteo o assiepata al corso o in  altre vie dimostrando così l’affetto e l’amore dei Bovinesi residenti o emigrati che nutrono per quella che dolcemente chiamano “Mamma nostra.”

Di seguito un video con alcune immagini della Processione, non di certo di ottima qualità, in quanto non è facile per noi modesti dilettanti fare di meglio in condizioni di luce simili, ma siamo certi che comunque farà piacere a molti vedere specialmente a ci lontano non ha avuto possibilità di essere presente.

Immagini della processione del 29 agosto 2012

LA NOVENA DI VALLLEVERDE

IL 19 AGOSTO INIZIO NOVENA PER LA FESTA DI SANTA MARIA DI VALLEVERDE.

  Come ormai antica tradizione, il 19 agosto prossimo in Cattedrale a Bovino (FG) avrà inizio la novena alla Beata Vergine di Valleverde, il mattino seguente invece avrà inizio al Santuario all’arrivo della processione a piedi dei fedeli guidati da don Stefano Caprio, che ogni mattino partirà dalla Piazza Cattedrale alle ore 05,30.

   Il 27 agosto alle ore 21, partirà dalla Villa Comunale verso il Santuario, un’ imponente fiaccolata di giovani e meno giovani che culminerà in una notturna Veglia di Preghiera.

   Il 28 dopo le funzioni in chiesa, sul piazzale del Santuario ci sarà la benedizione di tutte le auto pervenute.

PELLEGRINI DAL LIBANO A VALLEVERDE.

GUIDATO DA VESCOVI E SACERDOTI UN FOLTO GRUPPO DI LIBANESI E’ GIUNTO A VALLEVERDE PER ONORARE LA STELLA DELLA DAUNIA.

   Come già lo scorso, il 1° luglio 2012,  guidati tra tre eccellentissimi vescovi tra i quali S. E. Rev.ma Mons. Paul Boulos Matara, arcivescovo di Beirut e numerosi sacerdoti, oltre cento pellegrini  provenienti dal Libano sono venuti ad onorare Maria Santissima di Valleverde nell’omonimo santuario in Bovino (FG). Il gruppo fa parte dell’associazione “AMICI DI SANTA VERONICA” di Città di Castello in Umbria il cui vicepresidente è  Fra Emanuele, il fraticello francescano scalzo, devotissimo della Madonna di Valleverde che spesso porta gruppi e organizza manifestazioni al Santuario.
   Il signor Giuseppe D’aloia,uno dei principali attivisti degli amici di Santa Veronica di Foggia, ha offerto un lauto pranzo agli amici Libanesi e agli altri numerosi  che si sono aggiunti al gruppo da Foggia e provincia, all’agriturismo “Tenuta Capaccio” di Bovino dove i devoti sono giunti alle ore 13,00.
   Dalle 16,30, il Cenacolo Eucaristico nel Santuario, con esposizione delle reliquie di Santa Veronica e Santa Messa. Alla fine rilassamento nella piazza del Santuario e godimento della salubre aria.

VEDI LE ALTRE IMMAGINI:

CINQUANTENNI FESTEGGIANO IL COMPLEANNO A VALLEVERDE.

AMMIREVOLE INIZIATIVA DI UN NUTRITO GRUPPO DI BICCARI CHE PRIMA DEL SOLITO PRANZO, DECIDE DI RINGRAZIARE LA MADONNA DI VALLEVERDE PER IL COMPIMENTO DEI CINQUANT’ANNI.

I festeggianti posano con don Ernesto ai piedi della Della Madonna di Valleverde

       Domenica 5 agosto un folto gruppo di cinquantenni di Biccari hanno deciso di festeggiare in maniera originale e profondamente cristiana il proprioo compleanno. Sono venuti al Santuario di Valleverde, hanno partecipato e animata una santa messa molto sentita. Hanno ringraziato il Signore e la Madonna di Valleverde per questo mezzo secolo di vita che il signore ha dato ad essi. Erano circa sessanta.

Il rettore del Santuario Don Ernesto D’alessio ha celebrato la santa messa assistito dal teologo Luca.

      Ad essi ancora una volta rinnovo gli auguri con il verso dal salmo 90:         “Insegnaci a contare i nostri giorni, e giungeremo alla Sapienza del Cuore”.         (dal Sl. 90)  

Don Ernesto D’Alessio

Le foto sono di:  Mario La Trofa

TUTTI A ROMA PER SANTA VERONICA

SOLENNI FESTEGGIAMENTI IN VATICANO PER LA FESTA DI SANTA                        VERONICA GIULIANI

      Lunedì, 9 luglio corrente, nella Basilica Vaticana di San Pietro, ci sarà la solenne celebrazione della festa liturgica di Santa Veronica Giuliani,.presieduta da Sua Eminenza Rev.ma Card. ANGELO COMASTRI. Per l’occasione, giungeranno a Roma  devoti della Santa da ogni parte d’Italia e in particolare da Città di Castello  sede dell’associazione “AMICI DI SANTA VERONICA, FIGLI DI MARIA” che organizza e cura la manifestazione. Anche da Foggia partiranno alla volta di Roma ben 8 pullman ed uno è previsto anche per gli eventuali devoti di Bovino. Tutti sono invitati a partecipare, la quota è di € 20,00 . Il pranzo è sacco e  avverrà, dopo la funzione, al Santuario del “DIVINO  AMORE”  laddove da anni è esposta e si venera anche la Sacra Immagine della Madonna di Valleverde, un’occasione quindi da non perdere per i Bovinesi. Alla manifestazione prenderanno parte anche gli amici libanesi che hanno onorato il Santuario di Valleverde domenica scorsa e non mancherà naturalmente il carissimo Fra Emanuele noto ai Bovinesi per la devozione alla Madonna di Valleverde.    
Questo il programma:
Ore:   07,00    Partenza da Foggia.
          11,00    Santa Messa presieduta da S. E.  Card. Angelo Comastri
          13,30    Pranzo a sacco al Santuario del “Divino Amore”
          15,00    Cenacolo Mariano Rosario e Catechesi al “Divino Amore”
          17,00    Ritorno.

Per adesioni  e chiarimenti rivolgersi :

Ada D’ Aloia:     Cell.347. 6087033
P. Garofalo:     0881.966396  cell. 3286145241.

ELETTO IL NUOVO PADRE GENERALE DEI VOCAZIONISTI

DON ANTONIO RAFAEL DO NASCIMENTO ELETTO PADRE GENERALE.

Ieri, 30 giugno 2012, durante il Capitolo generale dei PP. Vocazionisti (ancora in atto) nella Casa Madre a Pianura di Napoli, per rinnovo del Consiglio generale della Congregazione, è stato eletto come P. Generale Padre Antonio Rafael Do Nascimento che succede a Don Ludovico Caputo. Don Antonio di origini brasiliane è devotissimo della Madonna di Valleverde e qualche anno fa ha predicato anche la novena della festa del 29 agosto.

Don Antonio Nascimento

A don Antonio e alla Congregazione Vocazionista tutta, gli auguri più sentiti.

DAL LIBANO A BOVINO CON AMORE

ANCORA UNA VOLTA, UNA FOLTA SCHIERA DI PELLEGRINI LIBANESI AI PIEDI DELLA STELLA DELLA DAUNIA

 

Domenica, 1 luglio 2012, circa 200 pellegrini libanesi giungeranno al Santuario di Valleverde a rendere omaggio, come già avvenuto il 3 luglio dello scorso anno, alla Beata Vergine “Maria SS. di Valleverde.”

Il gruppo fa parte dell’Associane “ Amici di 241205_223740267652988_136859929674356_937551_5452061_o1Santa Veronica, figli di Maria”   diretta dal carissimo fraticello Fra Emanuele tanto devoto della Madonna di Valleverde e che, tante manifestazioni ha fatto al nostro Santuario.

Proveniente  da San Giovanni Rotondo, il gruppo, dopo una sosta ristoratrice, offerta dal devoto amico del nostro Santuario e di Santa Veronica, sig. Giuseppe D’Aloia di Foggia, all’agriturismo Tenuta Capaccio di Bovino,  arriverà al Santuario intorno alle ore 16,00 guidato da tre eccellentissimi vescovi e numerosi sacerdoti libanesicon il seguente programma:

16,30  S.Rosario meditato.
17,15   Catechesi
18,00   Santa Messa presieduta da Sua ecc.za rev.ma Antonio Beyluni (vescovo libanese)

Tutti sono invitati a partecipare alla manifestazione per onorare insieme ai cari amici provenienti da lontano la nostra cara Madre e dare loro un segno di stima e di amicizia.

File0403

Nella foto sotto un momento dell’incontro dello scorso anno 3 lulio 2011.

20110703_195

 

VALLEVERDE: IL MIRACOLO DELLA PIOGGIA

Dopo la prima domenica di Maggio, domani 23, Bovino si riversa ancora

a Valleverde

Arrivo a Valleverde della processione da Bovino – prima domenica di maggio 2012

Dopo l’atavico pellegrinaggio della prima domenica di maggio col quale la città di Bovino rende omaggio  alla Madonna per la Sua apparizione nel 1265, domani 23 Maggio i Bovinesi renderanno ancora omaggio a quella che dolcemente chiamano “Mamma Nostra” in ringraziamento del miracolo della poggia che salvò i campi ormai aridi a causa di una lunga siccità, del quale daremo un link descrittivo alla fine.

In verità tutto il mese di maggio è un susseguirsi di pellegrinaggi da tutti gli altri centri della ex diocesi di di Bovino ed anche da altri paesi. In particolare va segnalata Troia che, la seconda domenica di maggio, arriva tra l’altro con un numeroso gruppo di ragazzi che  fanno a piedi l’ultimo tratto dal ponte di Bovino al Santuario.

Il pellegrinaggio di Montaguto, uno dei centri più attaccati al Santuaio, immancabilmente la terza domenica di maggio, arriva, dopo un percorso di oltre 20 Km a piedi, a Valleverde e chi non può arriva in auto.

I pellegrini di Montaguto si preparano a salutare la Madonna,prima di rientrere, uscendo e camminnando all’indietro, dalla Chiesa e dalla Piazza del Santuario.

La terza domenica di questo mese è stata catterizzata anche dall’arrivo di un nutrito gruppo di preghiera di Potenza che si son trattenuti in preghiera e raccoglimento tutta la giornata sotto la guida di Don Gerardo Marano della comunità del Santuario che, con amore, guida questo ed altri gruppi.

Un gruppo di preghiera di Potenza col Padre spirituale Don Gerardo Marano

Non è mancata la parte sportiva con i Vespisti del Motografando che prima di ritrovarsi a Bovino hanno fatto sosta a Valleverde per rendere omaggio alla Madonna.

I vespisti del Motografando.

Sempre la terza domenica di maggio, i fedeli presenti alla S. Messa delle 10,30 si sono stretti intorno a suor Yulita Barra della comunità Vocazionista del Santuario che ha rinnovato i voti temporanei davanti alla Madonna nelle mani di Don Ernesto D’ Alessio, Vicario geneale della Provincia italana vocazionsta e rettore del Santuario.

Suor Yulita, dopo i voti, col P. Vicario Don Ernesto D’Alessio e la madre Superiora Suor Maria Leite

Domani anche se la giornata non è festiva tutti quell che potranno sia pure per poco scenderanno come da anni a rendere omaggio alla Madre del Fglio di Dio. La processione da Bovino  arriverà, a piedi, al Santuario verso le 09,30  presieduta dal Rev. mo Parroco della Cattedrale di Bovino Don Stefano Caprio.

Altre messe ci saranno ogni ora a cominciare dalle 07,30 fino alle 12, 30 e la messa serotina alle 18,00.

Per approfondire la ricorrenza del 23 maggio cliccare sull’immagine sottostante raffigurante la lapide che attualmente si trova nella cripta del Santuario a ricordo del Miracolo..

 

 

 

 

I video della venuta di Giovanni Paolo II a Valleverde

25 ANNI FA PAPA GIOVANNI PAOLO II VISITAVA E BENEDICEVA IL NUOVO SANTUARIO DI VALLEVERDE.

Il Papa sul Sagrato del Santuario.

     Il 25 maggio p. v., ricorre il 25° anniversario dell’ inaugurazione del nuovo ancora più forte il ricordo di Nino e Santuario di Valleverde – Bovino (FG) e la relativa benedizione del Santo Padre Giovanni Paolo II. In tale occasione, girammo un video rimasto finora inedito. Ma in occasione dell’importante anniversario, ritengo possa essere gradito a molti il ricordo di cotanto evento. Le immagine non sono di certo di prima qualità, ma un tuffo nel passato penso sarà comunque piacevole per molti e per l’importanza dell’avvenimento e perché ci s rivede con 25 anni in meno sulle spalle. Ci faranno queste immagini tra l’altro vedere tanti amici e persone care che ormai ci hanno lasciato da tempo.
     Contiamo di poter pubblicare integralmente il video entro il 15 maggio, ma intanto, passiamo a cominciare a proporvi alcuni alcuni spezzoni.
     Il video che vi proponiamo adesso, riguarda le ore precedenti l’arrivo del Papa, e l’ animazione dei presenti, da parte dell’allora presidente dell’ “Armata Verde” sig.ra Maria Dedda. Potremo inoltre vedere vedere il compianto carissimo Nino Di Giovanni allora assessore al Comune di Bovino. In un prossimo video potremo avere ancora più forte il ricordo di Nino e di un’altra carissima e stimata persone di Bovino: Orazio Sgambati anch’esso all’epoca assessore.      
        

FALO’ DI SAN GIUSEPPE: BOVINO INCANDESCENTE

IL BORGO ILLUMINATO E ANIMATO DAI TRADIZIONALI FUOCHI.

La statua di San Giuseppe che si venera nella chiesa dell' Annunziata.

Anche quest’anno la tradizionale accensione dei Falò, patrocinata dal Comune di Bovino e dalla “Pro Loco”, ha animato, ieri sera, in modo quasi surreale le vie e le piazze del centro storico di Bovino, attirando locali e forestieri pervenuti in particolare da  Foggia. La manifestazione è cominciata con la benedizione e l’accensione del falò davanti alla chiesa dell’Annunziata dove si venera la statua di San Giuseppe. Quest’anno la “Pro Loco” ha indetto anche una gara tra le varie contrade per il fuoco più bello. In Piazza Cattedrale erano presenti stand gastronomici con varie specialità locali, il tutto animato dalla presenza del  bravissimo Gruppo Folcloristico Bovinese.  Per tutte le vie del borgo e fino a tarda ora, penetrante ed intenso è stato l’odore di arrosto. Ci è parso comunque che il numero dei fuochi fosse leggermente inferiore a quello dello scorso anno e a sentire parecchi, molto è mancato il falò del corso con i relativi stand… era un biglietto di benvenuto molto gradito, ma forse, motivi che non conosciamo hanno indotto ad accentrare un pò tutto in piazza Cattedrale.

Non programmato  ed inatteso il falò di Valleverde. Erano molti anni che al Santuario non si accendevano più  fuochi di San Giuseppe. Per lo svago dei vecchietti ospiti della residenza per anziani di Valleverde, il Direttore Michele Russo in prima persona  ha preparato uno spettacolare fuoco con la collaborazione di tutti i dipendenti della residenza che hanno arrostito per i cari e simpatici residenti, salsiccia, carne, pancetta e bruschette a non finire. La manifestazione è cominciata verso le 16 con la santa messa  e seguita dalla benedizione del fuoco da parte del Rettore del Santuario  e Presidente della  Fondazione Valleverde, Don Ernesto D’Alessio. Presenti molti familiari e amici dei residenti   e del Santuario, la manifestazione è stata animata da canti e suoni da parte di una rappresentanza del “Gruppo Folcloristico Bovinese” che ha permesso a numerosi vecchietti di esibirsi in balli e danze. Alla fine,quando non era più necessaria la brace, si è alimentato il falò con la restante legna dando origine a fiamme spettacolari alte oltre 20 metri.


IL VIDEO DEL FALO' DI VALLEVERDE



Don Nunzio Cerone ci ha lasciati.

Il prete del sorriso ha reso la sua bell’anima a Dio.

Don Nunzio1Stamane nella RSSA di Valleverde in Bovino (FG) dove era ricoverato perché reso quasi inabile dal diabete, Don Nunzio Cerone dei Padri Vocazionisti, assistito dai familiari e dai confratelli e consorelle della comunità del Santuario di Valleverde è tornato al Padre. Il sacerdote, stimato e ammirato da tutti per la sua opera prestata in molte case e parrocchie vocazioniste era nato a Muro Lucano (Pz) il 1 febbraio 1934 e fu ordinato sacerdote al suo paese natio il 15 luglio del 1962, prossimo quindi al 50° anniversario. Le esequie, presiedute dal vescovo di Vallo della Lucania (SA)  Sua Eccellenza rev.ma Mons. Ciro Miniero, saranno celebrate mercoledì 1 febbraio nella chiesa di del convento di San Francesco in Altavilla Silentina (SA) dove don Nunzio ultimamente era parroco.

Don Nunzio, il primo da sinistra, durante una sua permanenza a Valleverde.

LE SUORE VOCAZIONISTE AL SANTUARIO DI VALLEVERDE

PESENTATA E INSEDIATA DOMENICA SCORSA LA NUOVA COMUNITA’  AL SERVIZIO DEL SANTUAIO DI VALLEVERDE.

Il 18 dicembre u.s., dopo la S. Messa delle 10,30 nel Santuario di Valleverde a Bovino  (FG), la rev.  M. Generale delle suore vocazioniste suor Antonietta Colafemmina, ha presentato ai fedeli la nuova comunità che sarà a supporto del Santuario e della vicina residenza per anziani (RSSA).

La comunità fortemente voluta dal rettore del Santuario don Ernesto D’Alessio è formata per ora dalla M. superiora suor Antonia Angela Leite, da suor Yulita Barra e dalla novizia Servasia Bete.

Da sinistra: Nov. Servasia Bete, suor Yulita Barra, M. Gen. suor Antonia Colafemmina, Madre superiora suor Antonia Leite.

Nella foto la madre gen. suor Antonietta Colafemmina presenta la comunità.

La presenza delle suore vocazioniste rappresenta  un grande passo in avanti per la crescita del santuario. Alla nuova comunità gli auguri più vivi.

Fra Antonio ci ha lasciato.

Alle 11.30 di oggi, nel Santuario di Valleverde, l’estremo saluto a Fra Antonio.

Ieri mattina, intorno alle ore 9, Fra Antonio Cono, assistito da P. Gerardo Marano che, per diversi anni, amorevolmente e fraternamente aveva avuto cura di lui, ormai non più autosufficiente, ha reso la sua anima a Dio nella RSSA di Valleverde dove era stato ricoverato da qualche giorno per avvenute complicazioni.                                                                                                                                  Fotografie-0001000Fra Antonio Cono, Vocazionista, era nato a Vaglio di Basilicata (PZ) il 31 luglio 1922 e giovanissimo, avendo Conosciuto Don Giustino Russollillo, scelse la vita religiosa nella famiglia dei Vocazionisti.                                                                                                                  Ha prestato con amore, zelo e devozione la sua opera per la raccolta di fondi per le vocazioni in varie numerose case vocazioniste e negli anni 60 ha dato anche il suo valido contributo al Santuario di Valleverde dove è ritornato al principio degli anni 90, dopo una delicata operazione chirurgica, per riposare e passare la sua convalescenza e qui è rimasto fino a ieri circondato e assistito dall’affetto della comunità del Santuario e in particolare come detto innanzi da don Gerardo Marano.                                                                                Oltre a simpatia e un vivissimo  in tutti i bovinesi, a Valleverde ci ha lasciato la la splendida pineta alle spalle del Santuario, difatti fu lui che con l’ausilio di un paio di ragazzi, nell’ottobre e novembre del 1966 piantò gli innumerevoli pini, gentilmente concessi dalla forestale di Orsara, su richiesta di don Peppino Scotto.

Oggi alle 11,30 il Santuario volgerà a Fra Antonio l’estremo saluto con un solenne esequie presieduto dal dal Padre Generale dei Vocazionisti don Ludovico Caputo con la partecipazione del Vicario della Provincia italiana e rettore del Santuario don Ernesto D’alessio

MOSTRA-CONCORSO PRESEPI AL SANTUARIO DI VALLEVERDE.

AL SANTUARIO DI VALLEVERDE: “I PIÙ BEI PRESEPI”

Dal 11 dicembre 2011 2 fino al 6 gennaio 2012, si terrà nel Santuario di Valleverde in Bovino (FG) una mostra-concorso di presepi organizzata dal comitato ” I PIÙ BEI PRESEPI” per l’incremento e il rilancio del Santuario. Promotori della Manifestazione la  Prof.ssa Maria Grazia Marseglia e il Prof. Giuseppe D’Auria che sperano in una partecipazione massiccia di appassionati dell’arte presepiale.

Il Concorso è gratuito ed aperto a tutti. Gli interessati per qualsiasi chiarimento potranno rivolgersi direttamente al Santuario di Valleverde oppure telefonare ai seguenti numeri:

  • 339 8102106
  • 339 1229716
  • 33934535440
  • e_mail: [email protected]

REGOLAMENTO “I più bei Presepi”

Art.1 – II comitato “I più bei Presepi” e il Santuario di Valleverde organizzano la 1A edizione della Mostra-Concorso  “I PIÙ BEI PRESEPI”.

Art.2 -La partecipazione è gratuita ed è aperta a tutti (privati, scuole, associazioni ecc.)

Art.3 -Restano liberi la scelta dei materiali utilizzati, la tecnica d’esecuzione ed il tema che
andranno sinteticamente indicati nella scheda di iscrizione che da presentare al momento della consegna del presepe.
Ogni partecipante può presentare più presepi.

Art.4 -1 presepi, devono avere statue ed accessori ben fissati ed essere illuminati all’interno o dall’esterno tramite proprio impianto elettrico a norma; le dimensioni massime dell’opera dovranno essere contenute entro: – altezza cm. 80 – larghezza cm. 80 – profondità cm. 80.

Art.5 – Ove necessario, l’autore comunicherà particolari esigenze tecniche e provvedere direttamente alla realizzazione di ogni effetto o scelta artistica.

Art.6 -Ogni partecipante dovrà far pervenire i presepi presso la sede della Mostra con mezzi propri entro e non oltre il 16 Dic. 2011 e ritirarli entro e non oltre il 12 Gennaio 2012.

I presepi non ritirati entro tale data resteranno nella disponibilità del Santuario che lo Stesso provvedere a donare ad Associazioni di beneficenza.

Giorno ed ora del ritiro vanno preventivamente concordati con l’Organizzazione.

Art. 7 -I presepi, numerati, saranno votati dai visitatori con la scheda che sarà fornita una sola volta e registrata da parte dell’Organizzazione. L’assegnazione dei premi ai primi tre classificati avverrà sulla base del numero di voti ottenuti.

Art.8 – Saranno assegnati i seguenti premi:

1° classificato: Coppa e attestato con la motivazione- 2° classificato: Medaglia vermeille e

attestato con motivazione – 3° classificato: Medaglia e attestato con motivazione

A tutti i partecipanti sarà consegnato un attestato di partecipazione.

Art.9 – L’iscrizione dovrà pervenire, su apposita scheda ( una per ogni presepe presentato), entro e non oltre il 16 dicembre 2011.

Le domande pervenute oltre i termini fissati non saranno prese in considerazione, o comunque se possibile saranno esaminate dopo quelle prodotte nei tempi utili.

Art. 10 – L’ Organizzazione si riserva, liberamente e senza vincoli nei riguardi degli aspiranti partecipanti, la facoltà di accettare o meno le domande prodotte.

Art. 11 – L’ Organizzazione, pur assicurando la massima cura, declina ogni e qualunque responsabilità per eventuali danni o furti subiti dalle opere in mostra.

Art. 12 -La Mostra, la cui inaugurazione avverrà il giorno 11 dicembre alle ore 11.30, resterà
aperta sino al 6 Gennaio 2012.

 VISULIZZA E STAMPA LA SCHEDA DI ISCRIZIONE

Valleverde: LA FIACCOLATA D’AGOSTO

GRANDIOSA MANIFESTAZIONE DI FEDE LA NOTTE DEL 26 AGOSTO AL SANTUARIO DI VALLEVERDE

 Anche quest’anno la sera del 26 agosto 2011, in occasione della novena alla Beata Vergine Maria Santissima di Valleverde, la gente di Bovino ed in particolare i giovani ed i ragazzi renderanno omaggio, a Colei che dolcemente e amorevolmente viene chiamata “Mamma nostra” dai Bovinesi, scendendo in fiaccolata a piedi fino al Santuario, ove sarà tenuta una veglia di preghiera. Il corteo presieduto dal Don Claudio De Caro dei PP. Vocazionisti (predicatore della novena) Si formerà a Bovino al corso Vittorio Emanuele davanti all’ingresso della Villa Comunale e alle 21,30 muoverà alla volta del Santuario con un percorso di circa tre chilometri. Numerose sono finora le adesione anche da parte di gruppi dei paesi vicini in particolare da Deliceto e Montaguto. Lo scorso anno la partecipazione fu molto nutrita e i Padri del Santuario si augurano che quest’anno sia ancora maggiore, facendo un forte appello sopratutto ai giovani che in questi giorni di festa, possono trovare la possibilità di vivere un’esperienza diversa in una notte speciale e riscoprire l’atavica fede del popolo di Bovino alla Madonna di Valleverde.

Fiaccolata 2010: Raduno davanti alla villa comunale.

 

Fiaccolata 2010: La veglia al Santuario.

OGGI A VALLEVERDE UNA MESSA IN RICORDO DI DON GIUSTINO

 DA: MONTAGUTO.COM

Fu beatificato di fronte a 40mila fedeli, che vissero con grande commozione la celebrazione avvenuta il 7 maggio scorso a Pianura. Celebrazione che fu officiata dal Cardinale Angelo Amato. Don Giustino Russolillo, padre vocazionista, oggi Beato, fu parroco dal 1920 fino al giorno della sua morte, di cui oggi ricorre il 56esimo anniversario. Don Giustino – che a Pianura le vecchiette del posto chiamano ancora Giustinié – si fece promotore convinto della santificazione universale durante la sua attività di catechesi ai giovani.

 


Giovani che, instancabilmente, svolgeva ogni giorno con canti, giochi, lunghe passeggiate, ma soprattutto con la lettura del Vangelo, che illuminava tutta la sua missione. L’idea del “Vocazionario” don Giustino l’aveva attinta dall’attività quotidiana del catechismo. Diceva infatti che nel catechismo «si incontrano i ragazzi, si scoprono le vocazioni e si comincia a coltivarle». Questo pomeriggio, alle ore 18.00, si terrà un incontro di preghiera, presieduto da Don Lorenzo Montecalvo, e una solenne concelebrazione al Santuario di Valleverde, a Bovino, in provincia di Foggia. Sarà un’occasione per commemorare il Beato.
«Don Giustino è uno dei grandi Santi che che hanno onorato Bovino e il Santuario con la loro presenza – spiega Pasquale Garofalo, della diocesi di Bovino -. È il fondatore della Congregazione dei Padri e delle Suore Vocazioniste che da anni e tutt’ora custodiscono il Santuario».
Trovandosi ospite di Monsignor Farina, vescovo di Troia – spiega ancora Garofalo -, nel 1928 incontrò Monsignor Cornelio Cuccarollo, vescovo di Bovino, che lo pregò e convinse di mandare i suoi sacerdoti alla guida del Santuario di Valleverde. Alcuni mesi dopo, Don Giustino venne a Valleverde per la prima volta insieme a don Attilio Cota, che fu il primo rettore Vocazionista del santuario. Da allora per diverse volte don Giustino fece visita al santuario fino all’ultima volta nel 1952. «Fino a pochi anni fa, molti a Bovino ricordavano lo zelo e la devozione di questo pio sacerdote, che a detta di molti, quando celebrava la messa, alle sei del mattino ai piedi della Madonna, all’atto della Consacrazione, mentre elevava l’Ostia, si sollevava lentamente da terra per circa 15-20 centimetri. Per quanto ne sappiamo, l’unico ancora che lo ha conosciuto di persona e ricorda, è il carissimo monsignor Don Carlo Franco. Una pia donna bovinese, venuta a mancare diversi anni fa, ricordava sempre una sua profezia: “Vedo che Valleverde sarà una grande città di Maria anche se tante saranno le difficoltà e i disagi”».

Michele Pilla
Lo stesso articolo anche su: “la Discussione” il quotidiano fondato da De Gasperi:

DAL LONTANO LIBANO A VALLEVERDE.

Uno straordinario ed eccezionale evento domenica 3 luglio p.v. a Valleverde.

 

Fra Emanuele

Oltre cento persone, quindici sacerdoti e tre eccellentissimi vescovi, tutti libanesi, perverranno in pellegrinaggio, domenica 3 luglio, al Santuario di Valleverde per pregare ai piedi della Stella della Daunia. Il pellegrinaggio sarà guidato dal carissimo Fra Emanuele, innamoratissimo della SS. Vergine di Vallerde che già in altre occasioni è stato protagonista di grandi manifestazione al nostro Santuario:  Qualche anno fa, ha portato pellegrina la Madonna di Fatima con a seguito numerosi fedeli provenienti da ogni parte d’Italia e recentemente il 22 maggio scorso, con gli “Amici di S. Veronica”, provenienti da Città di Castello e da altre parti d’Italia ha portato nel santuario, le reliquie di S. Veronica Giuliani e la statuetta di Maria bambina che più volte si incarnò tra le mani della Santa e una volta le parlò. Domenica quindi, (dopo aver pranzato al ristorante dell’agriturismo “TENUTA CAPACCIO’‘) si recheranno al Santuario dove, con preghiere animate da Fra Emanuele, i fedeli del Libano onoreranno la Regina della S. Speranza. E’ prevista anche un’ora di adorazione eucaristica. Alle ore 18, concluderà la giornata la  solenne concelebrazione dei sacerdoti libanesi che sarà presieduta dai dei tre vescovi e le letture avverrano in arabo e in italiano.