CORSO VITTORIO EMANUELE DA “SALOTTO DI BOVINO” A “VIALE DEI SARCOFAGI”

La panchina sarcofago

La panchina sarcofago

 

ESTERREFATTA LA MAGGIOR PARTE DEI BOVINESI ALLA VISTA DELLE DELLE NUOVE PANCHINE POSTE IN OPERA NELL’AMBITO DEI LAVORI IN ATTO         SUL CORSO DI BOVINO (FG)

   Sembrano che non piacciano quasi  a nessuno le nuove panchine al corso. Circa la totalità dei  cittadini è scontenta e, intravede in esse, più delle urne cimiteriali che dei sedili pubblici. Accesi i commentatori sulle varie pagine di Facebook . Ne ho contato 158 univoci totalmente contrari e solamente 5 favorevoli.

  Solo in serata  mi è stato possibile recarmi al corso e sinceramente, non ho avuto l’impressione di un viale sepolcrale forse dovuto al fatto che le nuove panchine erano poco 20130803_72rito niente visibili in quanto tutte occupate da persone e dalla mia posizione iniziale (cancello della villa) riuscivo a vedere in parte solo la prima della fila, ma avvicinandomi, confesso che sono rimasto un pò deluso anche io, innanzi tutto dal colore bianchissimo e poi dalla stranissima forma richiamante appunto più un sarcofago che una panchina. Mi sono seduo su una di esse a fianco a Poldino e a un suo amico e dopo le solite frasi di convenienza ho chiesto se le panchine erano di loro gradimento e sinceramente mi è stato risposto che  erano bellissime e comodissime…. poi è passata Fiorella col marito in compagnia di Michele  miNuovo sono alzato per salutarli ed ho chiesto loro se piacevano le nuove panchine e Fiorella; Quali?Io: queste nuove. –  Fiorella: dove, non le vedo? –  Io: la vedi quella dove ero seduto e dove ora c’è Poldino?Fiorella: oh mamma mia… le ho viste da ieri ma pensavo fossero pietre che servivano per i lavori…. Più o meno, in modo simile hanno risposto altre tre persone e, un’altra decina, decisamente contraria, intravedeva in esse bare o qualcosa di simile. Quindi nel l piccolo campione ascoltato, la quasi totalità, è rimasta delusa trovandosi con qualcosadi  funereo al posto del promesso salotto prima delle votazioni.

   Certo la scelta non è stata molto felice specie considerando che le panchine sono imagesqualcosa di importante nella vita e nella quotidianità di ognuno di noi, quindi sarebbe stato ovvio dovendo sostituirle, provvedere a qualcosa di più confortevole, magari con la spalliera certamente più piacevole alla vista e più riposante.

   “La panchina è un luogo di sosta, di incontri, un’utopia realizzata. E’ vacanza a portata di mano. Sulle panchine si contempla lo spettacolo del mondo, si guarda senza essere visti e ci si dà il tempo di perdere il tempo. Come leggere un romanzo.”                                                    “E’ protagonista di uno spazio quotidiano che è anche luogo di relazioni sociali, pubbliche. La panchina è fatta per la sosta, per il riposo degli anziani e delle persone stanche, è meditazione nonché rifugio degli innamorati poveri: sembra così scandire tutte le fasi della vita dell’uomo, accompagnandolo nei passaggi decisivi”.

Di tutto questo forse non ha tenuto conto il progettista ed ecco la delusione del popolo che, improvvisamente si è trovato davanti, anziché un salotto promesso, un viale sarcofagale insomma un “Passaggio dal sonoro al muto” direbbe l’indimenticabile Totò.

4 thoughts on “CORSO VITTORIO EMANUELE DA “SALOTTO DI BOVINO” A “VIALE DEI SARCOFAGI”

  1. io le ho viste dal vivo giovedi sera , mentre salivo dalla villa , mi ha dato subito la sensazione di qualcosa di brutto , poi camminando piano piano ho potuto notare che l mia prima impressione era quella di vedere delle lapidi …….camminando mi son detto , ma puo essere che a Bovino tutti sono morti ed ora hanno trasferito il cimitero sul corso !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Mhaaaaaa mi auguro che tutto questo scempio finisca subito e Bovino ritorni ad essere uno dei Borghi più belli d’Itaalia, ma ne dubito fortemente,,,,…
    Un grazie a te caro Vento amico che ti esponi sempre in primis e non ti nascondi .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*