INNAMORARSI DI BOVINO.

   

       Molti sono quelli che, venendo a Bovino ne restano entusiasti e alla loro dipartita mi scrivono dei messaggi rimpiangendo i giorni passati a Bovino e ripromettendosi di ritornare in questo posto che che offre vacanze piacevoli e serene non meno di altri centri più famosi e decantati.

Neve e nebbia nel centro storico di Bovino

    Qualche giorno fa me ne è giunto uno che, ritengo doveroso pubblicare per far conoscere come Bovino riesce a farsi amare:

 

   
 “Ho tanta nostalgia del mio rifugio, chiamato da qualcuno ” L’ Urbino del Sud ” , e devo confessarti che non vedo l’ora di ritornare a fine mese per assaporarne l’aria sana, pulita e salubre.
     Così, almeno per un po’ di tempo, saro’ distante dal frastuono, dalla indisciplina, dalla maleducazione, che regnano nelle citta’ e nei grossi borghi.                                                  In autunno a Bovino verso l’imbrunire e’ stupendo, meraviglioso ammirare l’ascesa della nebbia verso il cocuzzolo del paese; nebbia che quando invade il centro storico , sembra di assistere alla visione dei villaggi scozzesi che si riscontrano nei racconti del famoso investigatore inglese nato dalla penna di Sir Arthur Conan Doyle di Sherlock Holmes.
     L’occasione e’ gradita per inviarti affettuosi saluti. 
Ciao a risentirci.”

Chi scrive è un mio caro amico di Facebook da tempo ma che ho avuto il piacere di conoscere solo negli ultimi giorni di agosto in piazza Cattedrale. In verità fu lui a conoscere me mentre mi avvicinavo alla panchina per salutare l’arch, Tonino Marseglia col quale era seduto in conversazione. e subito dalle prime battute capii quanto amasse il nostro paese.

Nicola Colaianni  l’ innamorato di Bovino.

Nicola (così si chiama) è di Bari  ma sposato con una bovinese da diversi anni e da allora ha comprato casa a Bovino e viene qui a trascorrere i suoi giorni di vacanza rinfrancandosi lo Spirito ed il corpo ed innamorandosi sempre più della nostra amata città.

UN’ALTRO SEGNO D’AMORE DI NICOLA PER BOVINO                                                 Clicca sull’imagine!

By Ventoamico.

 

 

4 thoughts on “INNAMORARSI DI BOVINO.

  1. A quanto vedo i forestieri non solo si innamorano di Bovino ma ci fanno anche tanta pubblicità e tu Ventoamico non sei certo da meno in quanto se pur a tutti gli effetti Bovinesi non lo sei certo di origine e so che tanti ti sono grati per quello che fai. Peccato però che parecchi compaesani non fanno lo stesso.

  2. Non te ne pentirai. Bovino è il posto adatto per ” staccare la spina ” e trascorrere un periodo sereno e nel contempo festoso e gioioso.Come saprai, la posizione dell’abitato ne spiega anche l’aria salubre e ventilata, che la preserva dall’inquinamento. Oggi Bovino è abbastanza attrezzata per raccogliere un turismo di tipo giornaliero, settimanale e/o mensile, grazie ai diversi ed ottimi bed and breakfast sorti in questi ultimi tempi anche nel centro storico(cfr. TripAdvisor).-

  3. Ti invidio Nicola, anche io sono innamorata di Bovino da anni da quando Ventoamico ne postava le foto sul blog di Leonardo.it e sempre ho desiderato di conoscere questo stupendo centro. Ho visto il tuo video ed ho deciso: La prossima estate dedicherò parte delle mie ferie a Bovino.

  4. Caro ” Ventoamico ” è sempre piacevole scorrere e leggere i tuoi articoli e le immagini che offrono un prisma di emozioni.
    Sono a ringraziarti per la simpatica sorpresa che mi hai offerto, ospitandomi sul tuo sito.
    Sono rimasto commosso e, nel contempo, basito stamane nel leggere il tuo articolo. Devo confessarti, infatti , che , come sono solito fare ognl mattina, ho acceso il cellulare e aprendo ” ventoamico.altervista.org….” sono rimasto subito incuriosito dal titolo ” Innamorarsi a Bovino ” .e iniziando a leggere ho trovato la bella sorpresa.

    Giammai avrei immaginato di apparire sul tuo blog e di vedere che uno dei miei video, a cui tengo in maniera particolare, fosse posto all’attenzione dei numerosi visitatori. Nel ringraziarti nuovamente ti abbraccio e mi auguro di rivederti nelle prossime festività.
    Nicola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*