La testimonianza d’amore di Gabriele Consiglio

        A ricordo di Gabriele Consiglio, ad un anno della sua scomparsa,  testimone cantore dell’amore alla propria terra e della fedeltà alle proprie radici, rileggiamo insieme un suo brano carico di questo esaltante sentimento perché lo possa far  vibrare e risvegliare  anche in noi  bovinesi. (SAM)

 

– L’AMORE PER LA MIA TERRA –

             “L’amore per la terra natia non è soltanto un fatto sentimentale o di campanile. E’ molto di più. E’ un amore totale e totalitario, che prende i sensi e il pensiero, l’animo e l’eros, il corpo e lo spirito.
         E’ l’amore per la grande madre. A Bovino si potrebbe dire per la mammaròssa.

L'avv. Gabriele Consiglio

             Il culto di Cibele ( la magna mater) è antico. So che fu portato a Roma dalla Frigi 200anni avanti Cristo. Prima di essere un culto e appartenere al mondo delle divinità e degli oracoli, fu la stessa terra a generarlo, lo stesso suo seme a fecondarlo e a gettarlo ai venti della storia.

        L’amore per la terra natia non è solo desiderio. E’ soprattutto bisogno, necessità fisica e organica di essere una sola cosa con la nostra terra, nascere in essa, nutrirsi, crescere come una pianta, dare frutti e mettere le foglie, stare al sole, coprirsi di neve, bagnarsi di pioggia, ripiegarsi per la stanchezza e stare per le stagioni fino a che si può stare, per dare una testimonianza di fedeltà al proprio destino e di appartenenza al luogo di nascita.
         Quando parlo dell’amore per la mia terra, non c’è niente di più alto e di più profondo, più che le cime e le radici. E’ un amore passionale, viscerale, carnale, fatto di donazione completa, di pensiero e di pathos, di nostalgie, di desideri e di follie. E’ un amore incestuoso, che ti tiene legato come da un cordone ombelicale al ventre della grande madre che ti ha generato, nutrito e sedotto. E’ un amore che da orgasmo diventa battito placentare, secreto amniotico, respiro cosmico.
           Quando parlo dell’amore per la mia terra e per il mio paese, parlo di una cosa che è senza nome e che viene da lontano, nata prima che tu sei nato. Quando senti la prima volta la prima musica che si può udire chiudendo gli occhi, quella è la musica che hai già udito mentre eri nel grembo della tua mamma, la musica  delle campane, quella che piace tanto e ti sta dentro perché vi è sempre stata. Così l’amore per la terra dove sei nato è come una musica di campane che hai già sentito prima e ti accompagna per sempre, è come una musica che viene dal cielo e manda messaggi anche alle pietre, alle pietre che diventano carezze di vento.
            In quest’aria musicale, che aleggia intorno alla pianta della vita, tu senti il tremulo e flebile respiro delle foglie che stanno incerte sugli alberi come d’autunno- così direbbe il poeta- e attendono silenziose e tristi ancora qualche giorno prima di cadere e tornare alla terra. Senti ancora più forte e profondo il respiro delle radici e con esso il respiro antico di tutte le cose nate prima di noi, il ricordo della nostra infanzia, la memoria della nostra antropologia. Senti le voci che vengono dai recessi più profondi e si esprimono con richiami di un’altra vita, appena percepiti per correnti segrete. Sono i richiami che puoi sentire ancora meglio più tardi, a una certa età, man mano che il corpo si riduce e si curva per tornare alla terra che ci avrà dopo averci generato.
       Tutte le volte che puoi tornare alla terra e fra le pietre del tuo paese – sarà un carisma, sarà una vis magnetica – è come se tornassi ad esplorarla, quella terra dove sei nato, con lo spasimo dell’amante inquieto e inappagato.
         Allora, e ogni volta, avverti il calore delle viscere, assapori gli umori più profondi, senti gli echi di antichi terremoti e il mormorare di frenesie carsiche, richiami le vene di acqua da sotto le frane e dalle caverne della memoria storica, ricerchi il fulcro della prima esistenza, riscopri la grotta dov’è il segreto della nostra prima casa.
           Allora, e ogni volta, avverti quelle delicate e sommesse vibrazioni di ritorno, appena affioranti dai secreti e dai segreti della tua terra contadina e del tuo destino montanaro.
           Allora. E vi ritrovi le cose che erano già state, le cose che erano all’origine dei nostri cromosomi, le cose che erano nelle nostre case, che erano vive e palpitanti come creature umane insieme a noi e ai nostri padri. E le riporti in superficie, non come ricordi o come reperti di archeologia, ma come pezzi di vita rivissuti oltre le regole e leggi del tempo.
         Tutto ciò è al di sopra di un semplice rapporto d’amore. Lo comprende, lo trascende, lo sublima.
          Sicché poco conta se, a fronte di un amore profondo e totale, come è il mio , per la madre terra e per il paese, il rapporto che ho con Bovino è un rapporto d’amore che poi s’increspa e si inasprisce a contatto con la realtà di ogni giorno e a contatto con le debolezze umane.
      Poco conta se il mio rapporto con Bovino a volte è difficile, problematico e complessuale; se è fatto, da una parte, di devozioni ombelicali e ardori totali e, dall’altra, di delusioni immedicabili e amarezze neppure nascoste. A volte diventa perfino un rapporto “ntussecuse” – come direbbero a Napoli -, fatto di amore e odio, acceso dalla polemica che ho con i miei amici, specie quando mi dicono che Bovino è proprio un bel paese e fingono di non sapere o non sanno che il bel paese l’hanno fatto i nostri padri e quanto ma quanto più bello sarebbe se….
           Poco conta se, a fronte di un amore, che canta la bellezza e si riveste per esigenza estetica del corredo mitico del “natio loco”, il rapporto che proviene da quell’idillio a volte si intristisce e si fa difficile. Come tutti i grandi amori, anche quello per la propria terra può essere un amore sofferto o non corrisposto, un amore che più cresce e più è inappagato.
            La cosa importante è che, pur tra dedizioni e rimozioni, fra attrazioni e ribellioni, fra abbracci e polemiche, l’amore per le proprie radici non resti soltanto detto o scritto e dichiarato, ma sia testimoniato dal meglio della tua vita, da atti di servizio, di fedeltà e dedizione.
           La cosa importante è che questo amore sia una sola cosa con te stesso, con la tua sposa e i tuoi figli, con il tuo lavoro e le tue ragioni di essere. La cosa importante è che l’amore per la tua terra sia sempre puro e incorrotto e si distingua da quelli falsi come da quelli troppo facili.
      La cosa importante è non tradire mai le tue origini, né con l’infedeltà né con l’indifferenza, onorando il tuo paese con orgoglio, conoscendone bene la sua storia, perché è attraverso la conoscenza che l’amore si fa ricco e profondo. Chi è consapevole di avere un grande bene sotto la curva del suo cielo e nell’abbraccio delle sue montagne ha più rispetto per il suo paese e salda meglio il conto con la propria esistenza.
            Accanto a questo grande amore – quando c’è – che è l’amore fisico e metafisico, quello fatto di cromosomi, di sangue, di carne, di sesso e, allo stesso tempo, di sublimazioni e trascendenze, vi è sempre una componente più semplice e normale, quella dell’amore che naturalmente è propria di ogni uomo per il paese natio.
            Ora, al di là di quei magnetismi misteriosi che vengono dalle viscere della terra e che io percepisco con una particolare sensibilità, il mio amore per Bovino è più semplicemente perché ci sono nato e cresciuto “.
 

 

Personalmente Lo voglio  commemorare ed  esprimerGli  riconoscenza con un semplice componimento sgorgato naturalmente dal profondo del cuore

   A ’nu  Bbuunèise                                                     A un Bovinese

( a  Gabriele  Consiglio )                                    ( a Gabriele Consiglio )
 
 E’ fatte la valéice                                               Hai preparato la valigia
e  acchiéne t’é abbiéte,                                     e piano ti sei avviato,
sóule e appecundriéte,                                     solo e malinconico,
passe passe pe la ’nghianéte.                          a passo lento per la salita.
 
Iére lu mèise re magge,                                     Era il mese di maggio,
stévene le rròse a la fenèstre                           c’erano le rose alla finestra
e n’addòure  fòrte re ienéstre.                          e un forte profumo di ginestre.
Pròpie ’npónte re iurnéte,                                 Proprio al chiaror dell’alba,
lu sòule  tanne tanne alezéte,                          allo spuntar del  sole,
cu nu viénte a pezzechille                                con un vento pizzicorino
e ’nu cante  re  cardìlle.                                   e un canto di cardellino.
 
E Mamma Nòste, la Marònne,                          E la Mamma Nostra, la Madonna,
la méne tòue óu pegliéte                                 ti ha preso per la mano
e pe la véie t’óu accumpagnéte                       e per la via ti ha guidato
cuma ’nu figlie prelebbéte.                              come un figlio tanto amato.
 
La valéice però l’é lasséte,                              La valigia però l’hai lasciata,
ancuóre cu la zòuche annurechéte,                ancora annodata,
ma chièine re suspéire, surréise,                    ma piena di sentimenti, sorrisi,
cu lu sapréite re paravéise,                            dal sapore di paradiso,
ca  piéttene ’nciéle, séine,                              che dipingono in cielo, sì,
gruósse lu nnuóme re Bbuéine                       grande il nome di Bovino.
 
 Nóuie ce l’amme tené strétta strétte              Noi la dobbiamo serbar  con cura
cuma ’na reliquie rìnde ’na cascètte,              come una  reliquia in un urna,
c’amma  apré ogne vòte, quànne,                  da aprire ogni volta, quando,
perdéime la véie e  iéme sbaculiànne,           smarriamo, brancolando, la via,
e  amme  bbesuógne re lu lucèise                 e abbiamo bisogno della fierezza
re  sentìrse  e  èsse  bbuunèise.                   di sentirsi e essere   bovinese.

SAM

 

PROFILO  di Gabriele Consiglio nacque a Bovino il 4 marzo 1929. È vissuto a Foggia, dove ha esercitato la professione forense, ricoprendo anche l’importante incarico di presidente della Camera Penale. Fervente cattolico democratico è stato impegnato politicamente nelle file della Democrazia Cristiana, di cui è stato segretario provinciale. È stato Presidente della Provincia di Foggia negli anni 60 e Consigliere della Regione Puglia. Ha coltivato una forte passione per la fotografia e la scrittura, dedicandosi in particolare ai temi antropologici e sociologici. Tra i suoi lavori editoriali si ricordano “Problemi e prospettive del Sub-appennino Dauno”, “La Premeditazione”, “Le parole son cose”, Melanconia e crimine”, “Le piccole cose”, “Chi di noi? In difesa di Giuda”, “I dialoghi di Giuda Iscariota”, “Diario si diario no”, “Biggirò e altre cose così”, “Bovino, l’Urbino del Sud?”, “Le filastrocche e le altre”.  E’ venuto meno all’affetto e alla simpatia di tutti il 15 maggio 2011. (Nota di Ventoamico)

One thought on “La testimonianza d’amore di Gabriele Consiglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*