NATALE A BOVINO

169088_179480855425387_3911209_nrit

“ Natéle a Bbuéine ”                                                                                                                            (Note dell’arch. Sabato A. Marseglia)

                Proverbi:       < Natéle cu lu musse unte, ròppe Natéle facìme li cunte.>                                                     < Natéle cu lu sòule e Pasque cu lu ceppòune.>                                                                     < Le ppéttele che nen se fanne a Natéle nen se fanne cchiò.>

 Cantilene:

Tulì tulì tulà e la zampógne,                                                                                                       e chi nen tiéne pane se gratte l’ógne.  
                                                                                 
Oggi è Natale, la festa dei bimbi,                                                                                         apri il taschino e metti i soldin.i

 

Credenze:            

Li  Pumpenéle e le  Cianére  ( da C. G. Nicastro )

I maschi che nascono alla mezzanotte del 24 dicembre – cioè nella notte di Natale – sono detti “ Pumpunéle” ( lupi mannari), le femmine “ Cianére ” (streghe). Lu pumpunéle, durante la novena di natale – che corrisponde al plenilunio di dicembre – fugge di casa allo scoccare della mezzanotte.                                                                                                   Egli, urlando, si rotola nelle pozzanghere; ulula nei crocicchi ed è capace di sbranare chiunque incontra sul suo cammino.                                                                                 Non può salire le scale.                                                                                                           La crisi cessa prima delle ore mattutine. Ma se qualcuno arriva a pungerlo, facendo uscire poche gocce di sangue, subito gli ritorna la calma – per quel periodo s’intende – ed il lupo mannaro stende la mano al suo benefattore, a cui diventa compare:

     << Cumpare a S. Giovanni
                nun ci guastiamo a cchiù di n’anno.
                A nnuome di S. Giovanni
                nu mi palisanno >>.
E cioè: da questo momento siamo compari, e saremo tali non per un solo anno; in nome di S. Giovanni non palesare il mio segreto.
Le Cianére si riuniscono a conciliabolo nottetempo, in ogni sabato, specie nel plenilunio di dicembre, intorno al noce di Benevento – dove si recano a cavalcioni di una scopa o su qualche ronzino, preso momentaneamente in stalle private.
I cavalli della cianére sono quelli che – pur essendo ogni giorno sottoposti alla brusca – hanno i peli della criniera sempre ricci ed intrecciati, con alcune ciocche a guisa di staffa verso l’estremità per l’appoggio dei piedi della maliarda.
 << Sott’acqua e sotto viento,
      sotto la noce di Benevento >>.

E’ l’invocazione che fanno le streghe, prima di prendere il volo verso il luogo della tregenda, dove – con un branco di diavoli – si abbandonavano a forsennati balli e a sozzi amori.

Innanzi  di partire si ungono il corpo con un certo grasso da esse medesime manipolato con incantamenti.

Si narra di un pover’uomo, il quale senza saperlo, aveva sposato una cianére. Egli allorquando si accorse che la sua dolce metà ogni notte lasciava cautamente il talamo per volare a misteriosi congressi a cavallo di una ramazza, sostituì di soppiatto il grasso magico della pentola con della sugna di porco.

La notte seguente la moglie, dopo l’unzione di rito, salì sul tetto, e messasi la ramazza tra le gambe, spiccò il volo; ma disgraziatamente si sfracellò sul selciato della via, poiché la sugna porcina non aveva le necessarie qualità maliardiche.

La cianére, detta altresì fattucchiera entra nelle abitazioni attraverso il buco della serratura e dà sfogo alle sue vendette sopra i bambini cui sloga le ossa, facendoli divenire gobbi e storpi per vendicarsi di maltrattamenti, angherie o repulse di elemosine da parte dei genitori i quali ignoravano la sua qualità di strega.

Quando si ha la fortuna di acciuffarla per i capelli prima che compia i suoi malefici non bisogna rispondere all’unica domanda che rivolge. Essa infatti chiede : “ che tieni in mano ”. Se  si risponde  “ tengo i capelli ”, la cianére soggiunge: “ io me ne fuggo come un’anguilla ” e sparisce.

“ Le ppéttele  ca  nen  se fànne  a Natèle nen  se fànne cchio’  ”

 Le pettole che non si fanno a Natale, non si fanno più. Nel senso che il Natale è una festa importante e unica e va celebrata interamente con le sue peculiarità tradizionali non differibile ad altro giorno.
Gli  zampognari
A Bovino, non molto tempo fa, l’approssimarsi del Natale era caratterizzato dall’arrivo dei zampognari, provenienti dall’Abruzzo o dal Molise, che diffondevano nell’aria le dolci melodie natalizie già prima della novena dell’Immacolata. Giravano per le vie del paese fermandosi a suonare vicino ad ogni porta “ Tu scendi dalle Stelle”. Annunciavano così il Natale.
Dalla quarta domenica precedente il 25 dicembre, iniziava l’Avvento, il periodo di preparazione all’evento che ha cambiato il corso dell’umanità.
A seguire veniva la novena e la festa dell’Immacolata Concezione.
Da Santa Lucia a Natale……corrono appena 12 giorni tra il 13 dicembre e il Natale. A questo periodo il popolo faceva corrispondere i dodici mesi dell’anno seguente, le cosiddette Calènne (inizio di mese), traendo auspici sul carattere meteorico di ognuno di essi, osservando quello di ciascun giorno successivo a Santa Lucia e fino a Natale. Nel senso che se il giorno 14 che corrisponde a gennaio, sarà bello, gennaio sarà bello; e se il 15, che è febbraio, sarà piovoso, piovoso sarà quel mese, e così via.
Con la ricorrenza di S. Lucia si entra nel clima natalizio e l’acquisto dei pupazzi ricorda a tutti che è tempo di preparare il Presepe.
Già dal giorno di S. Lucia le cucine cominciano ad animarsi di un’attività febbrile che vede riunite le componenti femminili della famiglia. La preparazione dei dolci natalizi è parte integrante di una liturgia domestica, fortunatamente non del tutto scomparsa, immutata nei gesti da cui scaturiscono “ esse , cartellate,  calzoncelli, felloni con mandorle ”, un tempo doni di scambio tra familiari e i vicini di casa.
La vigilia
Il 24 dicembre, cioè la Vigilia di Natale, la gente rimaneva a  digiuno fino a sera. A pranzo mangiava: cavolfiori e  baccalà fritto. La sera si riuniva tutta la famiglia ( per rinsaldare i vincoli di parentela e per rinnovare la credenza radicata nella società tradizionale che mangiare insieme aveva un valore sacrale, come ricorda il proverbio popolare ‘ Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi ’ ) e la cena lauta prevedeva: spaghetti con l’anguilla, capitone arrostito, pettole, frutta secca.
Poi  si andava a messa per ascoltare la cerimonia e attendere la nascita di Gesù in chiese molto affollate. Luci e atmosfere semplici che a mezzanotte si univano al suono festoso delle campane. ( Nella Chiesa del Rosario, fino a qualche tempo fa,  la festività del Natale veniva solennizzata con la caratteristica processione del Bambino. Processione che,  ogni anno,  aveva luogo dopo la mezzanotte, ed alla quale prendevano parte i zampognari con le loro ciaramelle e cornamuse, ed i pastori con i singolari indumenti di pelle di montone).
La vegìlie
 ’Na  buffètte,
vecéine a lu fucuréile,
aspètte,
lu  iuórne   re  la vegìlie,
ca  s’assètte
attùrne  la  famìglie.
Mmiézze,
lu  cavelaffiòure,
le  ppéttele
e  li  spaètte cu  l’anguille.
Créie,
iè  fèste  re  stè  nziéme:
nàsce  lu  Bbomméine.  
 
(SaM)

 

Nella mattinata della Vigilia, si preparavano le ppéttele. Queste, preparate con pasta lievitata e con l’aggiunta di un po’ di sale, di pepe e di patate lesse, erano frittelle a forma di ciambella. Una parte di queste veniva consumata appena preparata, l’altra era servita a tavola nei giorni successivi.

Le  ppéttele

Ué ohi mà,  re nòtte e re iuórne,
fazze sèmpe lu stésse  suónne.
Sòpe nu tumpàgne apparecchiéte
’mpàste  la farèina  bbèlle  allariéte,
cu paténe, pèipe mméscke e lu sséle
pe  fè  ’na  céste re  ppéttele  re Natéle.
 
Uh che addòure, uh che addòure !
So’ le ppéttele  ’nda la fressòure.
N’addòure sapréite, me sènte muré,
rammille ròie  ca me n’aggia ié.
E cu  mmócche  stu sòrte re recréie
pòzze stè nu puóche ’nzine a Ddéie.
 
( SaM)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*