ANCORA AMIANTO SELVAGGIO A BOVINO

Da diversi giorni, all’imbocco di via Galeone a Bovino (Fg), giace una gran quantità di eternit, celato dietro una catasta di tegole, ma comunque ben visibile. I manufatti sono

Amianto in via Galeone a Bovino

Amianto in via Galeone a Bovino

pezzi di una canna fumaria in amianto cemento, evidentemente smontata in un rifacimento di copertura,  e chiaramente manipolata senza sicurezza e precauzione alcuna e certamente da smaltire abusivamente, come si suole, lungo qualche strada dei dintorni di Bovino.  Nella zona in questione abbiamo già segnalato il 1 ottobre 2010 la presenza di pannelli di copertura in eternit, che sono rimasti per molto tempo accantonati insieme ad altri rifiuti speciali e più recentemente, l’ 8 marzo 2011 la presenza per diversi giorni di un dumper pieno di eternit tritato. Queste azioni sono veri attentati alla salute pubblica ed in particolare di chi abita nelle vicinanze e…  chi le compie è un assassino!

Purtroppo a Bovino, nonostante il gran parlare da un anno a questa parte, nulla si è fatto malgrado le promesse di parlarne seriamente e intanto il nostro amato centro continua ad essere sempre più inquinato dalle micidiali fibre. Rimuovere e smaltire grandi quantità di amianto, potrebbe essere certamente molto delicato e costoso. ma operare in sicurezza per piccole quantità, quali appunto le canne fumarie, bastano poche attrezzature e regole da seguire che forse sono ignorate dagli operatori edili e per questo abbiamo sempre chiesto (ma inutilmente) una campagna di aggiornamento e sensibilizzazione che non sarebbe di certo costata più di quanto si spende per sovvenzionare una delle tante manifestazioni varie.

L’ Amianto uccide! Bisogna convincersi prima che sia troppo tardi e vigilare affinchè queste azioni vengano perseguite per la sicurezza e la salute di Bovino tutta.

AMIANTO NEI POSTI PIU’ IMPENSATI

ANCHE LE PIAZZE DI BOVINO ORMAI INVASE DA RIFIUTI DI AMIANTO.

Caro vento, mi sa che sei un po’ arretrato, difatti residuati di eternit ormai si accantonano impunemente anche nelle piazze di Bovino non solo in periferia. Non ci credi? riprendi la tua macchinetta e vai nella piazza (non c’é nome purtroppo e chissà perché) tra via Olmo e via Galeone e cerca tra il materiale del cantiere in atto.

Questo uno dei commenti al mio ultimo post sull’amianto a Bovino: Parliamone ma seriamente.

Seguendo le indicazioni dell’amico che si firma ‘”l’Osservatore Bovinese”crediamo di aver individuato il luogo indicatori ed ecco il risultato:

Amianto nascosto

   Eccolo l’amianto assassino, ben nascosto da occhi indiscreti dal lato piazza sotto un telone ed altri rifiuti o materiali ma ben visibile dalla parte inferiore. Non non vogliamo colpevolizzare nel modo più assoluto chi ha operato perché ci viene spontaneo chiederci: L’autore è al corrente del pericolo corso o che ha fatto correre a chi per lui ha operato? E’ al corrente del pericolo che può arrecare a terzi nelle vicinanze di  dove è stato depositato il manufatto?  (In stato friabile, si nota chiaramente la rottura ad un lato).

    Noi siamo certi che in molti ancora non è chiaro il pericolo di questo materiale altrimenti nessuno si esporrebbe al rischio di trovarsi ammalato di cancro da un giorno all’altro.

    Ed è per questo che suggerimmo di riportare alla mente, con manifesti e magari con postille nei permessi di ristrutturazione, l’esistenza di precise normative in materia e del grave rischio che si corre manipolando tale manufatti.  Pensiamo che questo non costi molto e non sia affatto pleonastico come dichiarato dal Sindaco.

    Ora resta da vedere come e dove sarà smaltito quel materiale, in quale posto di Bovino andrà abbandonato contribuendo ad aggravare la già disarmante condizioni delle discariche abusive.

    Eppure basta solo un po’ di buona volontà per prevenire ed impedire queste cose che minano la sicurezza e la salute pubblica.