BOVINO (FG): Continua l’abuso nella rimozione amianto.

Certamente ricorderete queste immagini che postammo insieme ad altre in questo blog in data 05/07/2010 con un articolo dal titolo: "PER NON DIMENTICARE L’AMIANTO":

    20100901_2_334_01   20100901_1_334_01

 Con quel post denunciavamo le rimozioni continue a Bovino e senza sicurezza di materiali contenenti amianto e il relativo smaltimento in discariche abusive invocando l’azione del Comune a fare una campagna di sensibilizzazione verso cittadini ed operatori del sistema sui pericoli di tali operazioni per la popolazione tutta, oltre che per i diretti operatori, molte volte all’oscuro del pericolo che corrono a causa di una mancata informazione e trascuratezza totale di un così importante argomento.

Ebbene a distanza di quattro mesi non si è mossa una foglia in questa direzione ed indiscriminatamente come denunciato in altri successivi articoli si continua a manipolare incoscientemente tale pericolosissimo materiale.

Nella foto seguente il ponteggio allestito per il ripristino della facciata ci fa intendere chiaramente che anche la canna fumaria (che è quella delle due precedenti foto) sarà di certo rimossa ,con gravissimo pericolo per gli abitanti della zona, essendo essa in fase di sfibramento, e ulteriore pericolo rappresenterà per la zona dove sarà abusivamente smaltita. Il nostro non è un processo al futuro abbiamo la certezza matematica che tra qualche giorno questo camino in eternit scomparira, senza che nessuno abbia vigilato sulla cosa, e questo e grave considerando i vari casi denunciati.

20101104_6_707

Noi non vogliamo tormentare nessuno, ne denunciare legalmente alcuno (anche se ormai questo punto diventa un dovere farlo se le cose continuano ad andare a questo mdo)  perchè siamo certi che basta un pò di buona volontà per fa sì che certe cose vengano fatte in sicurezza facendo un’opportuna campagna che tra l’altro possa indicare anche i sistemi per rimuvere in prorio piccole quantità di questi materiali come previsto dalle vigenti normative ma non tocca a noi farlo, nè ne abbiamo la competenza.

Tag: