Bovino: Cade aereo da turismo, sfiorata la tragedia.

Gallery

This gallery contains 4 photos.

UN AEREO DA TURISMO IN EMERGENZA, ATTERRA FORTUNATAMENTE A POCA DISTANZA DALL’AGRITURISMO “TENUTA CAPACCIO” IN AGRO DI BOVINO.    Un aereo da turismo, stamane poco prima di mezzogiorno, con le sue strane evoluzioni ha attirato l’attenzione e ha provocato del … Continue reading

Spesa durante il lavoro, tornano in servizio ASL

Gallery

This gallery contains 1 photo.

Foggia – TORNANO in servizio 4 dei 5 dipendenti Asl, arrestati dai carabinieri di Foggiapoichè ritenuti responsabili di truffa ai danni dello Stato, come da comunicato del 19/11/2012. Il G.I.P. di Foggia, accogliendo le intervenute istanze di libertà personale, con … Continue reading

ANCHE DUE BOVINESI TRA GLI ARRESTATI PER ASSENTEISMO ALLA ASL DI FOGGIA

Gallery

This gallery contains 1 photo.

Assenteismo, cinque arresti a Foggia in manette psicologa e infermieri Timbravano il cartellino e poi andavano a fare la spesa, oppure si registravano in posti di lavoro diversi da quelli assegnati. In manette per truffa aggravata di PIERO RUSSO FOGGIA – … Continue reading

Spara perché è in pericolo il suo “spazio vitale” per cacciare

Gallery

This gallery contains 3 photos.

I Carabinieri della Stazione di Orsara di Puglia e della Compagnia di Foggia hanno arrestato SPANO Francesco, 58enne residente a Bovino che, nel corso di una battuta di caccia in località Monte Fedele di Bovino, a seguito di un alterco … Continue reading

BOVINO: Trovato morto Gennaro Russo.

Il corpo dello psicologo bovinese trovato in mattinata.

   Aveva fatto perdere le sue tracce il primo maggio scorso Gennaro Russo di 54 anni, psicologo di Bovino e dipendente dell’ Asl di Foggia. Aveva lasciato lasciato  il suo fuoristrata sulla strada che conduce al Castello con dentro telefonino, documenti, portafogli e soldi. Il non ritrovamento di una pistola acquistata non molto tempo fa e regolarmente denunciata era già un triste presagio.

Questa mattina, dopo una massiccia ricerca dei Carabinieri con unità cinofile e un elicottero e con la collaborazione di volontari, Protezione civile,  Pata, amici e parenti intorno alle 11, in una zona boscosa poco distante dal centro abitato, lungo la strada campestre che dalla zona detta Fornaci conduce alla Portella, è stato trovato il corpo del Russo senza vita e con ancora in mano quella pistola comprata pochi giorni fa.  A prima vista tutto fa pensare al suicidio, ma saranno comunque gli ulteriori accertamenti e l’autopsia a dare il responso finale.

Un momento della ricerca

Bovino, scomparso dal primo maggio psicologo 54enne

Bovino – SCOMPARSO dall’abitazione di Bovino il 54enne psicologo-psicoterapeuta Gennaro Russo. A darne notizia i carabinieri del Comando provinciale di Foggia. L’uomo lavora presso il consultorio familiare del piccolo centro foggiano, dipendente Asl/Fg e con la passione per la poesia. In base a quanto emerso, la famiglia ha denunciato la scomparsa del 54enne la sera del 2 maggio, presso la Caserma locale dei carabinieri. Ma l’allontanamento dell’uomo dalla propria abitazione farebbe riferimento alla giornata precedente.
Gennaro Russo ha 54 anni, alto 1.70 circa, capelli brizzolati e occhi castani. L’uomo si sarebbe allontanato spontaneamente dalla propria abitazione. Da allora nessuno ha saputo più niente. Come confermato, dal comandante della stazione dei carabinieri di Bovino, attualmente in corso le ricerche dell’uomo, anche grazie all’ausilio dei volontari della Protezione Civile, delle unità cinofile e dei cittadini del centro.

Tratto: STATO

 

RAPINA ALLE POSTE DI BOVINO.

QUESTA VOLTA E’  STATO PRESO DI MIRA L’UFFICIO POSTALE.

A meno di tre mesi di distanza dalla rapina al Banco di Napoli a Bovino che fruttò circa 40.000 euro, questa mattina intorno alle ore 10, due malviventi armati di pistola, (forse c’era anche un terzo) hanno fatto irruzione nell’ufficio postale di Bovino e con le minacce hanno costretto gli impiegati a consegnare loro i soldi in cassa che sembra non siano una cifra rilevante, circa 4.000 euro, dopo di che sono fuggiti a tutta velocità a bordo di un’auto che appena all’uscita della cittadina si è scontrata con un’auto proveniente in senso opposto. Sembra che sia rimasto anche leggermente ferito il conduttore dell’auto investita. I Carabinieri prontamente intervenuti sono riusciti a fermare e ad arrestare uno dei due malviventi, un 18enne di Cerignola, mentre l’altro è riuscito a dileguarsi. Molto probabilmenti i rapinatori  sono gli stessi della rapina al banco di Napoli.

ULTIMO AGGIORNAMETO – ore 17,10:

Ci giunge notizia che i Carabinieri hanno fermato tutti i componenti della banda.

BOVINO: EMERGENZA IDRICA.

IL CENTRO DEL SUBAPPENNINO DAUNO A SECCO NEL CENTRO DELL’AGOSTO BOVINESE  
Proprio nel giorno più importante dei festeggiamenti estivi a Bovino, improvvisamente i rubinetti delle abitazioni sono rimasti a secco. Ieri e oggi giorni dedicati allo short cinematografico con la presenza di personaggi di spicco del campo cinematografico e culturale, i disagi sono davvero enormi. Numerosissime le presenze di turisti, ed emigranti, arrivati  in questi giorni che vedono l’approssimarsi della festa patronale.  Il tutto sembra sia dovuto ad una rottura sulla condotta intercomunale che alimenta i serbatoi  idrici di Bovino, Deliceto, Accadia e Sant’Agata di Puglia. Solo alcuni minuscoli foglietti, in alcune bacheche principali, per avvisare dell’emergenza, ragion per cui molti, specie nel centro storico, si son trovati completamente e improvvisamente a secco.
In realtà, forse per gestione del quantitativo dei serbatoi, per qualche ora della mattinata i rubinetti hanno ripreso ad erogare, ma ben presto, specie nella parte alta, son ritornati a secco e notevoli sono state le difficoltà anche per cucinare. Invano le chiamate al comune e alla polizia urbana i cui numeri forse per giornata festiva erano completamente muti. Qualcuno ha chiamato i carabinieri altri l’acquedotto pugliese che ha assicurato alle 11,30 che i serbatoi erano in riempimento ma con un richiamo all’utente dopo un pò, parlavano di un guasto grave e di aver pazienza. Qualcuno ha chiamato anche i Vigili del fuoco e i Carabinieri in cerca di chiarimenti ma nulla di concreto. Sembra che sia stata fatta una richiesta in prefettura che ha allertato due autobotti dei pompieri che dovrebbe rifornire il serbatoio attingendo acqua da fontane dei dintorni o da acquedotti rurali, ma a tutt’ora, a pomeriggio inoltrato, si attende la prima goccia scaturire dai rubinetti. Sono anni ormai che bovino resta a secco in piena estate. Quest’anno in particolar,e da alcuni giorni trillava il campanello di allarme con varie interruzioni, anche se di più breve durata, ma nessuno si è preoccupato più di tanto: Almeno un piano di emergenza si sarebbe dovuto studiare ma evidentemente si è stati troppo presi da comparse e rappresentanze per badare agli atavici problemi di questa città.
 

BOVINO: RAPINA A MANO ARMATA.

40.000 Euro il bottino ai danni dell’agenzia del Banco di Napoli di Bovino.

Questa mattina, intorno alle ore ore 9, mentre una complice faceva da palo all’esterno, due manigoldi armati di coltelli hanno fatto irruzione nell’agenzia del Banco di Napoli a Bovino (i metal detector non hanno funzionato?), appena dentro si son coperti i volti con passamontagna e mentre uno faceva distendere per terra i clienti, l’altro, dopo aver strappato di mano 200 euro ad un cliente che stava versando,  scavalcava il banco facendosi consegnare sotto minaccia delle armi circa 40.000 euro dagli impiegati , dopo di ché i tre sono fuggiti a bordo di una lancia, che era in attesa con il motore acceso, fuggendo ad alta velocità in direzione  Ponte di Bovino.  Sembra che qualcuno abbia preso anche il numero di targa. Scattato l’allarme, velocissimo è stato l’intervento dei carabinieri locali al comando del maresciallo Eraldo Zarra, ma purtroppo nulla hanno potuto in quanto i delinquenti come detto, si erano velocemente dileguati.

Momenti di panico e di tensioni si sono avuti quando sul posto è arrivata l’ambulanza e la folla accorsa ha temuto peggio, ma fortunatamente si è trattato solo del malore di un impiegato dovuto al panico. Sembra che quasi contemporaneamente siano avvenuti anche due furti in abitazioni private. Del caso insieme  ai carabinieri della locale stazione si sta occupando anche il comando provinciale carabinieri di Foggia.

Da notare anche che i 40.000 euro erano stati consegnati all’agenzia, dal portavalori, meno di un’ora prima.