BOVINO: XXXVII Concorso di Poesia Dialettale in Cattedrale.

Gallery

This gallery contains 1 photo.

   Questa sera a causa dell’abbondante pioggia, onde evitare di annullare o rimandare il programmato “XXXVII Concorso di Poesia Dialettale”  in piazza Cattedrale, gli organizzatori dei festeggiamenti dell’Estate Bovinese, hanno pensato di non rinunciare all’evento trasferendo la manifestazione all’interno della … Continue reading

BOVINO ALL’ASTA.

Sabato Antonio Marseglia – 2004

“ ….Se vénne Bbuéine… ”
( racconto tra fantasia e realtà )

—————-

 

<<NDoniù buóngiorne, ‘ndò vè tutt’azzeméte ? >> .
<< A la fiére, Celè, vulésse accattè còcche ccuóse!>>.
<< Tenèive póure iéie nu miézze penziére re ié, ma penzànnece bbuóne só sèmpe le stésse cuóse, e allòure...>>.
<< Nò!   Quist’anne ce  stànne cuóse nuóve, straurdenàrie, pe  quésse  ce véche, na  cuóse aggi’accattè >>.
<< Ché nuvetà, tutte l’anne ce stanne cuóse straurdenàrie >>.
<< Ma quist’ànne só veramènte straurdenàrie, crìreme ! >>.
<< E rìmme, ché vìnnene re tante mpurtante ?>>.
<< Vìnnene a Bbuéine ! Pe fallemènte, viéne póure tó, nen te ne piénte ! >>.
<< Se  ié  accussè,  péglie  lu pastréne  e vènghe cu téiche, nen me vòglie pèrde st’uccasiòune >>.
 
            Su di un palco nella pubblica piazza, alcuni signori invitano il pubblico ad avvicinarsi, si scambiano tra loro strette di mano  e qualche abbraccio mentre un commesso avendo sistemato un ampio tavolo lo sta corredando di martelletto, bottiglia d’acqua e bicchiere. La folla, giunta da ogni dove, attende fin dal primo mattino con curiosità.
            Tra il pubblico, accorso dai dintorni e da lontano si notano anche molti stranieri. All’ora prestabilita la tanto attesa vendita viene iniziata. Il banditore, dopo aver sonoramente richiamata l’attenzione con il martelletto dà il via all’asta:
            << Signori! la vendita spettacolare di fine civiltà, che ho l’onore di dirigere, sono certo che troverà in loro dei sicuri e competenti estimatori, è una vendita fallimentare, si vende sotto costo, a prezzi di saldi, signori, si vende Bovino!        
                                                   
            Voglio incominciare con un pezzo di indubbio valore, la storia e la leggenda, oltre alla intrinseca bellezza, hanno contribuito a valorizzarlo, signori, ecco a loro: la CATTEDRALE  di Bovino.       Sissignori, è un pezzo di storia che vi portate a casa, fatene un regalo alla vostra famiglia; do inizio all’asta, prezzo di partenza: un milione di euro, signori sotto con le offerte !>>.
            << Più centomila ! >>
            << Un milione e centomila euro, bene signore, altre offerte ? Possibile ? A nessuno altro interessa la Cattedrale  ? Un milione e centomila e uno, un milione e centomila e due, un milione e centomila e… tre, aggiudicato ! Ecco a lei signore, storia, tradizione, leggenda tutto è suo, si ritenga fortunato dell’acquisto >>.
            << A dire il vero tutto questo non mi interessa, ho una piccola industria di marmi, sa : pietre tombali, soglie, scalini e altro; e pur considerando lo scarto, penso, sfruttando bene i pezzi, di riprendere la spesa…>>.                                                                                
 
            << Benissimo ! Siamo contenti che l’oggetto resti nel paese, ed ora passiamo ad altro, ecco per lor signori : Il CASTELLO  e  il MUSEO  CIVICO ! Li offriamo in blocco, racchiudono tesori fino a poco tempo fa inestimabili, ora ne conosciamo il prezzo ma non voglio tediarvi con cifre e calcoli esosi, è uno stock allettante, una combinazione irripetibile, la cifra di partenza è di due milioni di euro, si signori, tutto per pochi soldi ecco il nostro slogan, avanti con le offerte >>.
            << Pour moi monsieur, due milioni e mezzo !>>.
            << Tre miliono, mister…>>.
            << Tre milioni e centomila pour moi ! >>.
            << Tre milione e cinquecento milo, mister…>>.
            << Tre milioni e cinquecento mila il signore ! Altre offerte ?
            Forza signori, regalatatevi questi tesori; nessun’altra offerta ? E allora… aggiudicati per tre milioni e cinquecentomila euro ! Lei, signore, se abbiamo ben capito è inglese vero ? Acquisterà benemerenze specialissime presso Sua Maestà, ecco a lei, grazie.
           
            Ed ora passiamo ad un vero e proprio gioiello, al più mirabile prodotto della natura,  signori, si vende il  PAESAGGIO  BOVINESE:  Il Vallo,  Radogna,  Valle Troiana,  Creta Rossa,  Salecchia, Fenna, Padula, Valleverde,  Mezzana,  Monte Fedele, Grotte Porcili, Casalene, Ripa di Corvo, Iazzano.                             Esaltato da scrittori e personaggi  famosi, culla di condottieri e di santi, covo  di briganti; eccolo a voi: le recenti manomissioni non sono riuscite ad alterarne del tutto l’aspetto paradisiaco. La cifra di partenza è la stessa del precedente articolo,  si adeguino le offerte ! >>.
            << Due milioni e cinquecentomila euro ! >>.
            << Sopra due milioni  cinquecentomila euro in più non è molto, prendete esempio dagli stranieri che avete visto competere per il Castello e il Museo, siate prodighi: è pur sempre il paesaggio bovinese quello che stiamo offrendo; ci sono olivi, vigneti. I tramonti sono pur  sempre quelli, il cielo è sempre azzurro.  Coraggio signori ! Possibile che il paesaggio bovinese trovi un solo acquirente ? Un tempo sarebbe stato conteso a prezzi vertiginosi.
            Signore, lei che ha fatto la prima e l’ultima offerta, ci dica, ci parli di questo suo poetico interesse.  Cosa farà del nostro paesaggio ? visto che ormai è suo >>.
            << Sono un costruttore edile, presidente di una società che lavora all’insegna di:  Mare  Monti  Città – tre case per tutti.  Taglierò olivi e vigneti e ogni altra sorta  di  inutili  pigliaposto e  sistemerò  ovunque  casette  prefabbricate  ad   uso week-end. Poi sono azionario di una multinazionale che costruisce Pale eoliche: ne farò installare una infinità su tutti i crinali e le collinette, così guadagnerò una montagna di soldi >>.
            << Ottima idea, per noi va benissimo, ma non crede che impoverendo troppo il paesaggio  ne consegua l’inutilità della casa in campagna ? >>.
            << Neppure per sogno ! Queste erano le ragioni anche valide ma per i vecchi acchiappanuvole, per la massa invece quando avrò sistemato sale per la televisione, piscine  e jukebox, stia sicuro che nessuno avrà rimpianti >>.
            << Valide ragioni ! Ed ora passiamo ad altro >>.
 
            Tre giorni dopo, tutte le opere nate dalla felice combinazione della natura col genio vibinate,  testimonianze della sua civiltà, divise e catalogate si apprestavano ora a subire una ben più misera storia.
            I nostri due amici incontrati all’inizio, avevano seguito tutta l’asta senza avere il coraggio di fare un’offerta e ora si apprestavano a tornarsene a casa.
            << NDoniù, annuselìeme, iémmecìnne. Ormaie ié stéte tutte vennóute, póure la tèrre ca tenéime sótte li piére, nóuie nenn’amme avóute curagge  r’accattè niénte; anze se t’aggia rìcere la veretà,  ògne vòte ca verèive nu piézze re Bbuéine fené mméne a frustiére o bastarde me venèive lu pruréite a le mméne… Ma cume méie li Penziére (ideali) nen só stéte miste a l’aste ? Vulèive verè propie chi se  l’accattéve…>>.
            << Pòvere  llóuse ! Ndó vuó ca só rumàste li Penziére ?  Quésse ié rròbbe ca se nen   viéne curéte  féce priéste a  secchè  e  a  èsse scurdéte >>.
            << E allòure iémmecinne, ormaie nen tènghe cchiù nterèsse e l’aste stéie pe chiùrre >>.
 
            D’improvviso un’automobile irrompe nella piazza fermandosi, un tipo biondiccio ne scende e con passo dinoccolato si precipita al banco dell’asta.
            << Prego signori ! io americano, aereo poco veloce arrivato solo ora, voglio comprare io tutta Bovino !! >>.
            << Spiacenti, signore, ma è già stato tutto venduto ! >>.
            << Oh peccato ! Pazienza, non fa niente, io ricomprare da acquirenti: pagare doppio, triplo, io ho dollàri >>.
            << ‘Ndoniù  oh, ddu téipe ca pére nu vruócchele, ra ndó ié ssóute ?   Uàrde, uàrde !  ce revìnnene tutte, nenn’ abbére a spèise ! >>.
            << Ecco, caro signore, abbiamo fatto contento anche lei, se fosse stato qui tre giorni fa ci avrebbe risparmiato le fatiche dell’asta. Voglia però essere tanto gentile da dirci che ne farà del tutto ? >>.
            << Una cosa molto semplice, da anni tanta gente viene a vedere Bovino, ora io farò un grande carro e porterò Bovino a giro per il mondo; farò tanti dollàri ne sono sicuro ! >>.
            << Auguri a lei e buona giornata a tutti gli intervenuti; e con questo, signori, la nostra asta è chiusa, grazie di cuore a tutti >>.
 
            << E’ sentóute, NDoniù ? Mò póure nu vruócchele r’amerechéne cum’a quidde se puóte permétte re purtè ngéire Bbuéine… Nu  mumènte,  uarde a quidde ca stéie quà ra quanne stéme nóuie, óu alezéte la méne e vuóle parlè, sentéime ché tiéne ra rìcere >>.
            << Vulésse parlè ! >>
            << Prego, l’asta è chiusa ma parli pure >>.
            << Nu mumènte ! Nesciòune adda tucchè   niénte, l’aste  nenn’ié    vàlede >>.
            << Come sarebbe a dire ? >>.
            << Vòglie rìcere che Segnuréie óu vennóute quidde che nenn’iére lu vuóste e iéie, a nnuóme re   li  legittime prupitarie, ne chiaitèie la padrunanze >>.
            << Calma, signori, calma; qui c’è un equivoco, l’asta è stata regolarissima e nessuno può invalidarla: abbiamo il mandato popolare, lei piuttosto ci dica chi è ? come si permette ?…>>.
            << Re lu  mannéte vuóste , avóute atturnianne e menazzanne la ggènte, nen me ne mpòrte propie niénte; quanta a mmè, site  curióuse re sapè chi só, ié lluiére ? Eccuce iéie só  lu legittime e uneche  prupitarie, sissignóri, iéie só lu Bbuenèise ! >>.
            << E con questo ? anche noi siamo bovinesi ! >>.
            << Nossiggnóre; agge  ritte lu Bbuenèise, quidde ca la Bbe maiùscule !  Só iéie c’agge fatte Bbuéine, só lu zappatòure, lu galantòmme, lu suldéte, lu vescuve, lu sante, l’artiste; iéie agge penzéte, suréte, fabbrechéte ste ppriéte; iéie ca só caróute e me só alezéte, lu Bbuenèise cu la Bbe maiuscule. Bbuéine  ié  sòule la méie e nescióune l’adda tucchè. Agge apettéte cu paciénze, agge  speréte  nda cocche  buone figlie, agge suppurtéte umiliazióune e sèmpe pe cólpa vòste sfacciafamiglie ! mò avaste, l’amma fenésce na vòte pe tutte, ci’amma fè li cunte !>>
            << Possiamo accomodarci, signore, se lei dice che le cose stanno così noi non vogliamo contraddirla, ragioniamo, non c’è motivo di appellarsi alla forza, siamo uomini ! >>.
            << Tròppe ié stéte raggiunéte, mò ié lu tiémpe re fè, le paruóle vòste só paglie a lu viénte, avìte curéte re semmenè sóule le bbucéie e le carugnéte ma nen v’aggia rè manche lu tiémpe re ve pènte >>.
            << Beh,  ognuno  ha  le proprie opinioni e noi le renderemo tutto, non si inquieti ! >>.
            << Avite restetuè tutte quante !  Mò avaste agge parléte póure tròppe e lu sckéife re vererve ancuóre pe  nnante me féce tuórte,… Iétevinne, Iétevinne ! >>.
 
            << E’ viste, Ndoniù ? Parévene curse appriésse ra lu remònie, só  subbete squagliéte, che bbellézze ! Ma  tó  nen me pére che té fatte meraviglie ! >>.
            << Ié luiére, iére  secóure  ca lu Bbuenèise se facèive véive !  Mè,  mò ce putéime arreterè,  putéime   èsse  cuntènte :  Bbuéine,   ancuóure na vòte,  ié  turnéte  a  li Bbuenéise >>.

ALTERAZIONI STORICHE A BOVINO (FG).

La mistificazione della Storia non fa crescere, distrugge.

 La storia di BOVINO è un racconto assiomatico certo scritto nel tempo dalla sua gente, investigato e raccolto sia da Carlo Gaetano Nicastro che da altri insigni studiosi e docenti universitari  con scrupolo di ricerca, sulla base di testimonianze  salde e sicure, compulsando bolle e diplomi, note di archivio e pergamene, epigrafi e reperti archeologici, lapidi e frammenti, documenti e segreti di sicura tradizione. Un racconto certamente non esaustivo e da approfondire ma comunque sicura memoria di un passato da sostanziare  e  valorizzare. Ma ogni ulteriore approfondimento deve tendere ad ampliare e dettagliare meglio con scientificità adeguata la conoscenza di quello che già è noto, non certo a scardinarla e stravolgerla con il clamore di ricostruzioni fantasiose, peraltro non supportate da alcuno elemento probante. Prodigarsi in questa opera di mistificazione è deleterio e autolesionista  perché conduce alla cancellazione della storia di un popolo, alla perdita della sua identità e alla condanna all’ anonimato.

 

           Qual è il fine di ventilare con saccenteria, spacciandosi per esperto senza averne i requisiti metodologici operativi propri del ruolo,  che la Madonna di Valleverde ha attinenza con i Calatrava, che i reperti archeologici raccolti  nel Museo Civico sono poca cosa e che nella Cattedrale è stata rinvenuta una semplice fossa sepolcrale (requietorii catagei, tipiche fosse nelle chiese) presentandola come  cripta? Non certo un fine scientificamente storico, basato su accertamenti probanti – sono del tutto inesistenti –  ma solo  un espediente maldestro  di ricerca di protagonismo per sollecitare l’ignoranza dei creduloni e per creare  disorientamento  e confusione nella gente e nella storia. ( SAM )