Presentazione I edizione Premio Lupo sezione Pittura

Gallery

This gallery contains 1 photo.

COME GIÀ ANNUNCIATO QUALCHE GIORNO FA, E’ STATA INDETTA LA PRIMA EDIZIONE DEL “CONCORSO DI PITTURA” NELL’AMBITO DEL “VII PREMIO LUPO CONCORSO LETTERARIO” DAL COMUNE DI ROSETO VALFORTORE AL QUALE PARTECIPANO I SEGUENTI COMUNI: Alberona, Biccari, Bovino, Castelluccio Valmaggiore, Celle S. Vito, Faeto, e … Continue reading

“Premio Lupo”, parte il concorso letterario dei Monti Dauni

Premio Lupo, passata edizione (ST)

      Foggia – “IL Premio Lupo rappresenta una realtà culturale del nostro territorio nonché un vero e proprio attrattore per tutti quei talenti che amano la scrittura e che ormai ogni anno, sia dall’Italia che dall’estero, partecipano al pregevole concorso itinerante che si svolge sui Monti Dauni e che la Provincia di Foggia sostiene convintamente”. E’ quanto affermato dall’assessore provinciale alla Cultura, Billa Consiglio, nel corso della conferenza stampa di presentazione della settima edizione del “Premio Lupo”, il concorso di racconti inediti promosso dalle amministrazioni comunali di Alberona, Bovino, Castelluccio Valmaggiore, Celle di San Vito, Faeto e Roseto Valfortore, con il partenariato della Provincia di Foggia e dell’assessorato allo Spettacolo e cultura della Regione Puglia. La direzione artistica del premio è affidata anche quest’anno alla “Piccola compagnia impertinente” di Foggia nella persona di Pierluigi Bevilacquapresente all’incontro con gli organi di informazione svoltosi stamane nella Sala Giunta di Palazzo Dogana.

     Per la prima volta il “Premio Lupo” entra nelle carceri italiane. E lo fa dedicando una delle quattro sezioni del concorso letterario dei Monti Dauni ai detenuti ristretti nelle case circondariali d’Italia. La sezione “Social” (tema: “Il lupo cattivo si racconta”) è la novità più rilevante dell’edizione 2012 del “Premio Lupo”. “Una iniziativa dalla meritoria funzione sociale – ha commentato Billa Consiglio – volta ad entrare nel difficile mondo delle carceri per offrire ai detenuti una ulteriore possibilità di crescita e di riscatto attraverso la scrittura e, più in generale, la cultura. Elementi imprescindibili per l’arricchimento non solo intellettivo ma anche e soprattutto umano”. Quattro le le sezioni del “Premio Lupo” in concorso i cui racconti dovranno essere inviati entro il 30 giugno 2012alla segreteria del concorso letterario presso il Comune di Roseto Valfortore in via Sant’Antonio n°1.

     Sezione “Shortstories – L’invasione dei lupi”. Settembre 2012. Un branco di lupi affamati è alle porte del paese. Qualcosa sta per succedere. Siamo i lupi che invadono o gli abitanti costretti a difendersi? Invasori o vittime? Perché invadiamo o da cosa siamo costretti a difenderci? Dai ricordi, dalle bollette, dai tag, dai luoghi comuni o da un nuovo amore? Raccontaci un’invasione. Non superare le 8000 battute (spazi inclusi). Primo premio mille euro, secondo premio cinquecento euro.

     Sezione “Folktellers – I Monti Dauni”. L’aria, gli odori e i sapori di una terra, da riscoprire attraverso le sue trame, le sue radici e le sue storie. Raccontaci i tuoi Monti Dauni. Una storia del passato o una storia ambientata nel futuro. Non superare le 8000 battute (spazi inclusi). Primo premiomille euro, secondo premio cinquecento euro.

     Sezione “Social Network – Status impossibili”. Mahatma Gandhi, Anna Magnani, Maria Callas, Giuseppe Garibaldi, Albert Einstein, Marylin Monroe, John Belushi. Sei uno di loro. È il 2012 e hai un tuo profilo su Facebook. Domani passerai alla storia. Magari lo sai, magari lo ignori. Fatto sta che questo è il tuo ultimo status. Lo senti: stai per passare a miglior vita. Cosa scrivi? Un testamento, un aforisma, un commento sugli ultimi fatti di cronaca o uno sfogo? Clicca “Mi Piace” sulla pagina Facebook “Premio Lupo Status I Like” e pubblica il tuo post. Non superare le 420 battute (spazi inclusi). Unico premio 420,00 euro.

     Sezione “Social – Il lupo cattivo si racconta”. La sezione è dedicata unicamente ai detenuti delle carceri italiane. Il racconto può essere una testimonianza, un ricordo o un sogno: il lupo cattivo si racconta. Primo premio un buono da duecento euro in libri. Secondo premio un buono da cento euro in libri.

    Premio speciale “Piccola compagnia impertinente” al racconto che la compagnia teatrale riterrà particolarmente meritevole.

     I racconti potranno appartenere a qualsiasi genere letterario e verranno giudicati in base a criteri quali il valore narrativo e l’originalità della forma e dello stile. Il racconto deve essere inedito, pena l’esclusione. L’autore si assume ogni responsabilità, anche legale, in caso di violazione del copyright. Il racconto deve essere scritto in lingua italiana mentre è possibile presentare un lavoro scritto in vernacolo o dialetto solo se si concorre nella sezione “Folktellers” con l’obbligo di traduzione a fronte.

Da:  Redazione Stato

 

CLICCA  SOPRA PER SAPERNE DI PIU’ E SCARICARE IL BANDO

Monti Dauni: Accadia Bovino e Roseto capofila per il recupero dei borghi

 Da: TELERADIOERRE

BOVINO, giovedì 11 agosto 2011 – ORE 16.33

Monti Dauni: Accadia Bovino e Roseto capofila per il recupero dei borghi
FOTO
Sono state ammesse alla fase negoziale, per un totale di 12.600.000 euro, le tre candidature presentate dai Comuni dei Monti Dauni a valere sulla Misura 7.2 del Programma Operativo FESR, che promuove la rigenerazione territoriale, attraverso il miglioramento delle condizioni urbanistiche, abitative, socio-economiche, ambientali e culturali dei comuni fino a 20.000 abitanti.
Dalla determinazione della Regione Puglia emerge l’ottimo lavoro svolto dagli organi politici e tecnici delle amministrazioni dei Monti Dauni, presentatisi con 3 distinti raggruppamenti con capofila Bovino, Accadia e Roseto Valfortore.
“Le progettazioni presentate – dichiara Michele Dedda, Sindaco del Comune di Bovino (Capofila del raggruppamento che comprende Celle di San Vito, Faeto, Monteleone di Puglia, Orsara di Puglia, Panni e Troia) – interverranno strategicamente sui centri abitati, e in particolare sui luoghi di aggregazione sociale, migliorandone la fruibilità e riconsegnandoli alla cittadinanza”.Il territorio dei Monti Dauni, ha di fatto maturato, nel corso degli anni, politiche di sviluppo volte a creare connessioni sempre più stringenti tra i centri storici -resi vivibili per i cittadini – e l’ambiente circostante con le sue Aree SIC, il suo patrimonio boschivo e naturale.
Pertanto “Estremamente soddisfatto del risultato raggiunto che va nella direzione del recupero e della valorizzazione dei patrimoni dei nostri borghi e della tutela dei loro caratteri identitari” – si dice Pasquale Murgante (foto), Sindaco di Accadia e Capofila di una progettazione concertata con i Comuni di Anzano di Puglia, Ascoli Satriano, Candela, Deliceto, Rocchetta Sant’Antonio, Sant’Agata di Puglia.
“La condivisione del percorso di sviluppo e la presentazione delle tre proposte progettuali” sostiene Nicola Apicella – Sindaco di Roseto Valfortore (Capofila per Alberona, Biccari, Carlantino, Castelluccio dei Sauri, Castelluccio Valmaggiore, Volturara Appula) “ha richiesto una innovata capacità di fare governance sul territorio, resa possibile dalla disponibilità dei Comuni a lavorare in squadra e dal supporto tecnico dell’Agenzia di Sviluppo Meridaunia”.